Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRABIA, TENTA DI UCCIDERE IL FIGLIO E SI TOGLIE LA VITA

TRABIA, TENTA DI UCCIDERE IL FIGLIO E SI TOGLIE LA VITA

Tragedia di un ex dipendente Fiat distrutto dal dolore per la perdita della moglie.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRABIA, TENTA DI UCCIDERE IL FIGLIO E SI TOGLIE LA VITA –

Giuseppe Buccheri, l’uomo di 60 anni di Trabia (Pa) che ha cercato di uccidere il figlio e si è tolto la vita era un ex dipendente della Magneti Marelli. L’uomo ha perso prima il lavoro e poi la moglie dopo una malattia. Si sentiva solo e depresso che si è dissolto con la chiusura della sede della fabbrica torinese in provincia di Palermo, una delle tante aziende che faceva parte dell’indotto della Fiat di Termini Imerese che sono stati assorbiti dalla casa automobilistica torinese. I suoi ex colleghi di fabbrica lo ricordano come un grande lavoratore e una persona tranquilla.
Però la disperazione e la solitudine a volte deprimono a tal punto da provocare tragedie, così l’ex operaio è entrato nella stanza del figlio Raffaele di 29 anni e mentre il giovane dormiva, il padre lo ha colpito alla nuca con un fendente. Il figlio si è svegliato ed è stato trafitto con una coltellata alla mano. Terrorizzato è uscito fuori in pigiama per cercare aiuto. Subito soccorso si trova ricoverato nel reparto di chirurgia dell’Ospedale Salvatore Cimino di Termini Imerese. I medici gli hanno suturato le ferite, ma non rischierebbe la vita.
Giuseppe rimasto in casa si è ucciso con una coltellata. I carabinieri della Scientifica si trovano in via Corvo al civico 11 dove sono al lavoro per trovare le conferme al racconto del figlio scampato alla furia del padre. Oggi sono quattro mesi che è morta la moglie e Giuseppe avrebbe pensato proprio oggi di mettere fine alla sua vita.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook