Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONTROLLI A OPERATORI E AMBULANZE ABUSIVE

CONTROLLI A OPERATORI E AMBULANZE ABUSIVE

Polizia controlla a raffica nosocomi e mezzi abusivi d’emergenza. Fioccano multe e denunce a Catania. Trovati ambulanze prive di autorizzazioni e di certificati assicurativi. Denunciati operatori sprovvisti di titoli e competenze. Nel mirino delle forze dell’ordine le onlus private che si aggirano negli ospedali in cerca di clienti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONTROLLI A OPERATORI E AMBULANZE ABUSIVE –

Secondo le disposizioni del questore di Catania, nei giorni scorsi gli agenti della polizia in servizio al Commissariato Borgo-Ognina hanno effettuato controlli a tappeto nei presidi ospedalieri “Vittorio Emanuele”, “Cannizzaro” e “Garibaldi”. Controllati anche i mezzi di soccorso utilizzati dal personale delle strutture.
Durante una verifica nel pronto soccorso dell’Ospedale Garibaldi di Piazza Santa Maria di Gesù è stato notato un giovane in divisa da soccorritore a bordo di un’ambulanza con la scritta “S.O.S. Catania Onlus”.  Gli agenti si sono insospettiti dal contatto telefonico per le chiamate d’emergenza. Infatti sul veicolo era riportato un numero di telefono cellulare. La persona teneva un mazzo di biglietti pubblicitari che vengono distribiuti nelle stanze dei pazienti dei nosocomi.
Le forze dell’ordine hanno effettuato un attento controllo del mezzo, notando che l’ambulanza era totalmente abusiva e priva della prevista autorizzazione sanitaria. Inoltro i due soccorritori che componevano l’equipaggio non erano in possesso dei prescritti corsi di formazione specifici, neanche il Basic Life Support (BLS) e il Basic Life Support Defibrillation (BLSD) che, come noto, sono obbligatori per chi svolge il delicatissimo compito di fornire il primo soccorso e/o comunque trasportare persone in precarie condizioni di salute. Al momento del controllo, i soccorritori hanno riferito di non avere un regolare contratto di lavoro.
Il mezzo di soccorso nel quale erano a bordo era attrezzato e pronto al trasporto dei degenti ed era fornito di bombole d’ossigeno. Da un’attenta analisi le condizioni igienico sanitarie del mezzo erano scarsissime, gli estintori erano scaduti e senza certificato di idoneità.
I controlli sono proseguiti anche in altre strutture dello stesso ospedale. Stessa situazione sulle ambulanze della “Croce Gialla”, anche in questo caso servizio fornito senza autorizzazione sanitaria e con gli operatori sprovvisti dei requisiti richiesti.
E ancora durante un controllo in una via adiacente a piazza Trento, è stata fermata un’ambulanza con la scritta “Associazione Marinai D’Italia” i cui soccorritori, al momento del controllo, non erano in grado di fornire gli attestati di formazione, avevano accompagnato una persona con difficoltà motorie da Sant Alfio alla locale Inps.
A seguito degli accertamenti effettuati, il mezzo è risultato privo di assicurazione responsabilità civile, privo di autorizzazione sanitaria e senza documenti di circolazione. Dopo gli accertamenti del caso, i mezzi sono stati tutti sequestrati. Responsabili e titolari delle attività sono stati denunciati e indagati dall’autorità giudiziaria.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook