Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MOTOVEDETTA LIBICA SPARA SU PESCHERECCIO

MOTOVEDETTA LIBICA SPARA SU PESCHERECCIO

Peschereccio della flotta di Mazara del Vallo attaccata da una motovedetta libica al largo del Nord Africa, comandante coadiuvato da equipaggio scongiura il sequestro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MOTOVEDETTA LIBICA SPARA SU PESCHERECCIO –

Una imbarcazione da pesca il “Principessa Prima” della flotta di Mazara del Vallo, nel pomeriggio di lunedì a circa 20 miglia dalle coste di Bengasi e Derna è stato affiancato e mitragliato da una motovedetta con a bordo miliziani libici. Il comandante Matteo Asaro e il suo equipaggio prontamente con alcune manovre evasive hanno scongiurato un sequestro che avrebbe comportato conseguenze imprevedibili. il presidente del Distretto della pesca, Giovanni Tumbiolo ha detto: “E’ insopportabile che la vita dei nostri pescatori  sia messa seriamente a rischio da veri e propri atti di pirateria. Il grave incidente avvenuto, in acque internazionali, al motopesca ‘Principessa Prima’, è l’ultimo in ordine temporale di una guerra che da oltre 50 anni affligge la marineria mazarese, la ‘guerra del pesce’, che ha costi sia umani che economici altissimi. Le autorità regionali e nazionali mettano in campo tutti gli strumenti finalizzati a creare un clima di dialogo positivo e di cooperazione con le autorità di tutti i Paesi del Mediterraneo. Intervengano prontamente per tutelare l’incolumità dei nostri pescatori ed evitare epiloghi funesti”.
Per quanto riguarda la vicenda del peschereccio di Mazara del Vallo, da Tripoli non commentano. Intanto, il portavoce delle forze navali libiche che rispondono al Consiglio presidenziale insediato a Tripoli sostiene che motopesca di diversi paesi come Italia, Egitto e Tunisia “approfittano della situazione caotica, del potere debole e della divisione in Libia per saccheggiare le ricchezze del popolo libico”. Poi ha aggiunto in maniera generica che: “Questi battelli entrano nelle acque territoriali libiche” e “pescano in maniera illegale”.
Sempre il portavoce Ayoub Omar Qassem, rispondendo alla domanda specifica su chi siano le “milizie libiche” che hanno mitragliato il peschereccio siciliano ha risposto: “Non sono ‘milizie’, sono forze marittime libiche che proteggono le acque libiche ed esercitano il proprio diritto di controllare la sicurezza della libia ed evitare azioni illegali nelle proprie acque territoriali”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook