Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BOSS GALLETTA IN CARCERE, ALTRI INDAGATI PER FAVOREGGIAMENTO

BOSS GALLETTA IN CARCERE, ALTRI INDAGATI PER FAVOREGGIAMENTO

Arresti e perquisizioni della Dia di Catania, la Direzione investigativa antimafia. Carcere per il boss mafioso Maurizio Galletta. Coinvolti nell’indagine anche dei noti professionisti che a vario titolo avrebbero favorito il boss.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BOSS GALLETTA IN CARCERE, ALTRI INDAGATI PER FAVOREGGIAMENTO –

Eseguiti tre provvedimenti di custodia cautelare, nei confronti del boss Maurizio Galletta che gli inquirenti ritengono esponente di primo piano del clan Santapaola-Ercolano e di altre due persone legate alla criminalità organizzata. Coinvolti nell’indagine anche dei noti professionisti che a vario titolo avrebbero favorito il boss. Galletta faceva parte del gruppo di fuoco del boss Zuccaro ed è stato condannato all’ergastolo per 3 omicidi.
Nell’inchiesta medici, pubblici e privati, i quali avrebbero favorito il boss con certificati medici. Secondo l’accusa, avrebbero attestato un quadro clinico più grave dell’indagato. Inoltre, sarebbero stati utilizzati certificati per attenuare provvedimenti cautelari emessi nei confronti del Galletta.
Gli agenti della polizia di Catania, su disposizione della Dda etnea, hanno eseguito un’acquisizione di documenti al Policlinico universitario di Catania. Sarebbero poco meno di una decina gli indagati e sarebbero medici che lavorano nel settore pubblico e privato.
Le indagini dalla Dia di Catania svolte su delega della locale Dda, diretta dal procuratore Carmelo Zuccaro, ha che sono state eseguite stamane su alcuni provvedimenti restrittivi nei confronti dell’uomo, del cognato e di un suo presunto fiancheggiatore.
Galletta è stato raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare con l’accusa di concorso in falsità ideologica, truffa aggravata ai danni dell’Inps, intestazione fittizia di beni e detenzione e porto illegale di pistola. Galletta è stato rinchiuso nel carcere di Bicocca, a Catania.
Le indagini hanno coinvolto anche dei medici professionisti che a vario titolo avrebbero favorito il boss. Galletta, detenuto in vari istituti carcerari, si sottoponeva a continui accertamenti medici in varie strutture sanitarie pubbliche e in circa 12 anni, dal 1996 al 2008, è stato trasferito in 17 strutture carcerarie ed è stato sottoposto a numerose visite ambulatoriali.
A seguito di una ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Bologna nel luglio del 2008 mentre era detenuto nel carcere di Parma era stato scarcerato e sottoposto alla detenzione domiciliare nella sua abitazione nel Villaggio Delfino di contrada Vaccarizzo “non essendo le condizioni fisiche conciliabili con il regime carcerario”.
Sempre dalle indagini condotte dalla Dia di Catania è stato accertato che Galletta avrebbe usato lo stesso espediente utilizzato da un suo cugino, il boss Maurizio Zuccaro. Esso, durante la detenzione si praticava dei salassi prelevando ingenti quantitativi di sangue così da aggravare le sue condizioni di salute e quindi usufruire dei previsti benefici carcerari.
Secondo la Procura di Catania, Galletta seguendo l’esempio del cugino avrebbe avuto la possibilità, pur essendo in regime di detenzione domiciliare, di gestire affari illeciti ostentando ‘coram populo’ il proprio carisma mafioso per le vie del centro cittadino. Grazie alla patologia simulata Galletta ha ricevuto dall’Inps una pensione civile e una indennità di accompagnamento.
Per accertare eventuali corresponsabilità di medici e specialisti, con incarichi dirigenziali nella sanità pubblica, le indagini preliminari proseguono. Pare che nel tempo Galletta sia stato sottoposto a visite e/o perizie e per questo motivo sono state eseguite perquisizioni in studi e uffici di medici.
Risultano anche indagati nella stessa inchiesta, per intestazione fittizia di beni, Antonino Luigi Ragusa e Carmelo Spampinato. Galletta avrebbe intestato un distributore di carburanti con annesso lavaggio e bar a San Giovanni la Punta e un altro distributore di carburanti di Aci Castello alla Rasp Di Ragusa Antonino Luigi & C. Sas, da loro costituita.
Le indagini hanno appurato elementi a carico Rosario Testa cognato del boss – marito della sorella Graziella, attualmente detenuto nel carcere Ucciardone di Palermo per reati concernenti violazioni in materia di stupefacenti – per il tentato omicidio, il 3 maggio del 2015, del fratello Angelo e del nipote Francesco. E ancora per rancori familiari e debiti non onorati. Attualmente detenuto, a Testa è stata disposta la custodia cautelare in carcere per detenzione e porto di arma da fuoco.
Una terza persona, è stata posta ai domiciliari per porto illegale di arma da fuoco e spari in luogo pubblico. Si tratta di un romeno, M. D. A. indagato per favoreggiamento personale nei confronti di Galletta. In un’occasione il romeno, Galletta e altre due persone non ancora identificate avrebbero esploso alcuni colpi di pistola per far allontanare alcune persone che si erano introdotte in un appartamento. Secondo gli investigatori sarebbe stato incaricato da Galletta di avvertirlo in caso di accesso di forze di polizia nel Villaggio Delfino residenza del boss.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook