Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STUDENTI DISABILI SENZA ASSISTENZA, OCCUPATO ASSESSORATO

STUDENTI DISABILI SENZA ASSISTENZA, OCCUPATO ASSESSORATO

Gli studenti disabili siciliani sono in rivolta perché ancora senza assistenza. Ggli operatori e i genitori occupano nuovamente l’assessorato alla Famiglia.

 

 

STUDENTI DISABILI SENZA ASSISTENZA, OCCUPATO ASSESSORATO –

Operatori precari insieme ai genitori dei ragazzi disabili hanno occupato nuovamente l’assessorato regionale alla Famiglia. Ancora la Regione non ha trovato i fondi per far ripartire il servizio di assistenza igienico personale per gli studenti disabili. Infatti, a causa del mancato trasferimento dei 19 milioni di euro previsti nell’ultima Finanziaria regionale i servizi sono ancora bloccati.
In una nota lo Slai Cobas di Palermo, sindacato che sin dall’inizio si è occupato della vertenza che riguarda gli assistenti precari e gli studenti disabili rende noto che: “Bisogna trovare una soluzione definitiva affinché i servizi vengano garantiti tutto l’anno e senza nessun tipo di interruzione che sia di tipo burocratico o di competenze. Siamo stanchi del gioco a rimpallo delle responsabilità tra Regione e Città metropolitana – replicano gli operatori”.  Intanto i lavoratori precari chiedono un incontro ‘urgentissimo’ con l’assessore regionale alla Famiglia Gianluca Micciché.
Nel frattempo alcuni delegati dello Slai Cobas sono a palazzo Comitini dove hanno incontrato il sindaco della Città metropolitana di Palermo, Leoluca Orlando. Il primo cittadino ha garantito che l’intoppo burocratico che ha bloccato il servizio nel Palermitano dovrebbe essere risolto a breve e i servizi dovrebbero essere ripristinati al più presto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook