Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FREDDO PERSISTENTE, LE SCUOLE DI CATANIA SI ATTREZZANO

FREDDO PERSISTENTE, LE SCUOLE DI CATANIA SI ATTREZZANO

I meteorologi registrano l'ondata di freddo più pesante degli ultimi anni. Al Centro Sud ancora gelo. I tecnici del tempo annunciano peggioramenti con piogge e neve a bassa quota. A Catania il comune prende delle precauzioni per aumentare le ore di riscaldamento nelle scuole. L'assessore comunale per la Pubblica Istruzione, Valentina Scialfa dice che si tratta del massimo consentito in città e il provvedimento resterà in vigore fino al 15 febbraio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FREDDO PERSISTENTE, LE SCUOLE DI CATANIA SI ATTREZZANO –

Prosegue l’ondata di maltempo che durerà almeno fino a venerdì. Persiste l’ondata di freddo che sta interessando la Penisola, in particolare il Centro Sud, dove continua il maltempo freddo intenso e neve a quote basse con piogge in pianura. Secondo i meteorologi quella in atto è tra le più lunghe e fredde ondate di maltempo invernali registrate negli ultimi anni.
Persiste ancora la discesa dal Nord Europa di una massa d’aria molto fredda che ha generato una bassa pressione sul Mediterraneo ed è bloccata sui nostri mari dall’alta pressione che staziona sull’Europa centro settentrionale.
Responsabile del peggioramento è l’aria gelida che converge con quella più umida mediterranea. Intanto il cattivo tempo coinvolge in pieno soprattutto le regioni del Centro Sud, mentre la parte settentrionale del Nord Italia risulta ai margini della perturbazione. Si prevede che fino a fine settimana non ci sarà tregua. Le Regioni maggiormente interessate saranno Marche, Abruzzo e Molise con precipitazioni abbondanti, nevose a bassa quota. Precipitazioni diffuse sono attese anche su centro est Sardegna, basso versante tirrenico, zone ioniche settentrionali e parte della Puglia con neve a quote di medio-bassa collina”. Solamente da fine settimana potrebbe registrarsi un parziale miglioramento. Intanto nelle scuole di Catania si cerca di porre rimedio all’emergenza freddo e le ore giornaliere riscaldamento passano da sei a otto.
L’assessore per la Pubblica Istruzione, Valentina Scialfa dice che si tratta del massimo consentito in città e il provvedimento resterà in vigore fino al 15 febbraio. Gli uffici sono in costante contatto con i dirigenti scolastici per concordare il migliore utizzo delle ore di riscaldamento in rapporto alle attività degli istituti.
La Scialfa afferma: “Abbiamo agito con la massima celerità su input del sindaco Enzo Bianco e recependo le richieste di genitori e docenti perché tutti abbiamo a cuore la salute dei nostri bambini e dei nostri ragazzi”.
Il provvedimento interessa 118 scuole – materne, elementari e medie – su tutto il territorio cittadino. L’aumento della spesa – circa 35.000 euro per un mese – sarà gestita all’interno del contratto Consip, convenzione fatta dal Governo a livello nazionale che consente di non ricorrere a gare.
L’assessore comunale spiega che: “A questa soluzione siamo arrivati grazie a un dialogo costruttivo e costante con dirigenti scolastici, famiglie e consiglieri comunali, che ringrazio insieme alla Direzione manutenzioni. Uffici che sono adesso in costante contatto con le scuole per concordare il migliore utizzo delle ore di riscaldamento in rapporto alle attività degli istituti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook