Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CARABINIERI CATTURANO IL PERICOLOSO BOSS NIZZA

CARABINIERI CATTURANO IL PERICOLOSO BOSS NIZZA

Nizza era inserito nella lista dei 100 latitanti più pericolosi d'Italia e si nascondeva a Viagrande assieme a due amici. L’arrestato era specializzato nel traffico internazionale di droga ed è ritenuto il braccio armato della cosca Santapaola.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

CARABINIERI CATTURANO IL PERICOLOSO BOSS NIZZA –

Andrea Nizza si nascondeva a Viagrande in provincia di Catania dove è stato catturato. Considerato a capo del braccio armato della cosca Santapaola e a capo di uno più vasti traffici di droga. Era inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi d”Italia. La procura: “Un grande colpo per la legalità”.
Andrea Nizza, 30 anni, era ricercato dal 2014. Si era reso irreperibile dopo una condanna a sei anni e otto mesi nel processo scaturito dall’operazione Fiori bianchi. I Carabinieri del comando provinciale di Catania lo hanno arrestato assieme a due suoi amici che avevano preso in affitto la casa in cui si nascondeva. Probabilmente alla sua cattura si è giunti anche grazie alle indicazioni del fratello del ricercato, Fabrizio, che è un collaboratore di giustizia.
Il pericoloso latitante era specializzato nel traffico di droga internazionale, con collegamenti con Albania e Grecia. Il gruppo del boss Nizza gestiva per contro della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano’ il traffico di droga prima nello storico rione San Cristoforo di Catania, per poi trasferirsi in quello popoloso di Librino, realizzando il suo centro di spaccio nel famigerato Palazzo di cemento, ed espandendo il suo ramo d’azione. 
Il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro ha evidenziato soddisfazione per l’arresto del boss: “è un grande colpo per la legalità e nella lotta alla criminalità organizzata. I carabinieri, con un grande e duro lavoro di intelligence di altissima professionalità, coordinati dalla nostra Dda, sono riusciti catturare il latitante più pericoloso della Sicilia orientale”.

Appena appresa la notizia il sindaco di Catania Enzo Bianco ha manifestato plauso e compiacimento per l’arresto del pericoloso latitante: “Esprimo un plauso ai Carabinieri e alla Magistratura per l’azione tempestiva e incisiva che ha portato all’arresto di uno dei più pericolosi latitanti d’Italia”. Il Primo cittadino ha aggiunto: “La legalità è alla base dello sviluppo di una città e quando le Forze di Polizia conducono un’operazione di tal portata, non danno solo un contributo all’affermazione della Legge ma anche un impulso positivo alla vita dell’intera comunità”.
“Un grazie di cuore – ha concluso il sindaco Bianco – al Procuratore della Repubblica, Carmelo Zuccaro, e al comandante provinciale dei Carabinieri, Francesco Gargaro, per la brillante azione che assestata un grave colpo alla criminalità organizzata ed innalza il livello della sicurezza nella Città di Catania anche nella sua estensione Metropolitana”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook