Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EMERGENZA NEVE IN SICILIA

EMERGENZA NEVE IN SICILIA

Continua il freddo e il gelo in Sicilia. E’ ancora emergenza, molte le strade chiuse al traffico. Chiuse le scuole per due giorni in alcuni centri in provincia di Catania e Palermo. A Petralia Sottana 5 persone imprigionate dalla neve, a Enna invece per i bovini isolati portato il fieno con un elicottero.

 

 

EMERGENZA NEVE IN SICILIA –

Su gran parte della Sicilia la neve continua a cadere copiosa e il gelo ancora perdura. Il vulcano Etna è coperto da un fitto manto bianco. I sindaci di alcuni comuni in provincia di Palermo come Gangi, Geraci Siculo, Petralia Sottana e Soprana, Blufi, Castellana Sicula, Polizzi Generosa, Caltavuturo, Collesano, Isnello e Caccamo, hanno ordinato la chiusura delle scuole per oggi e domani.
Nella provincia di Catania le scuole saranno inevitabilmente chiuse in molti paesi alle pendici dell’Etna: in alcuni Comuni i sindaci hanno già emesso l’ordinanza sindacale fino a martedì, in altri l’atto di chiusura potrebbe arrivare oggi per domani. Per ora le scuole rimarranno chiuse a Nicolosi, Bronte, Linguaglossa, Maletto e Maniace.
A Petralia Sottana in provincia di Palermo, cinque persone sono state soccorse dai vigili del fuoco ieri mattina. I pompieri sono riusciti a farle uscire dalle auto intrappolate dalla neve. In alcuni centri la situazione è ancora di emergenza. Nelle autostrade si transita, ma alcuni svincoli come quello di Tremonzelli sono chiusi. Difficile il transito nelle strade, statali, provinciali e comunali.
A Piana degli Albanesi i Carabinieri e le guardie Forestali sono ieri sono stati impegnati in attività di soccorso alla locale Residenza Sanitaria per Anziani, che accoglie un centinaio di degenti, garantendo la distribuzione dei pasti e il ricambio del personale medico.
Nelle Madonie continua intanto l’emergenza. Il mezzo del Corpo Forestale della Regione Siciliana, (Unimog) ha iniziato l’attività ieri a Castellana, in un agriturismo isolato che ospitava una cinquantina di turisti. Successivamente è intervenuto a Gangi dove, su richiesta dei carabinieri, ha accompagnato diversi pazienti dializzati in Ospedale a Petralia. Lo stesso tragitto era stato già compiuto all’alba da una pattuglia forestale per consentire ad un medico, che aveva da poco terminato il turno di lavoro, di rientrare a Castellana.
A Polizzi Generosa i forestali sono stati impegnati nel comune di Tremonzelli, dove hanno consigliato numerosi automobilisti a inserire le catene nelle ruote delle autovetture. La Protezione Civile Metropolitana e la Guardia di Finanza hanno presidiato la strada impraticabile fino a Petralia. Le attività di controllo e soccorso sono ancora in corso di svolgimento e l’Unimog forestale ha sgombrato una strada che collega i comuni di Castellana e Polizzi.
A Enna una mandria di bovini è stata soccorsa grazie a un intervento della Coldiretti di Enna effettuato con la collaborazione dei vigili del fuoco. Infatti, i soccorritori sono riusciti a far alimentare un gruppo di 80 bovini rimasti intrappolati in un bosco a pizzo Campanito (Nicosia). Con una nota, l’associazione ha spiegato che: “Con diversi tentativi fatti con trattori e ruspe non si riusciva ad arrivare dove i bovini erano intrappolati, invece si è riusciti con successo a lanciare le balle di fieno da un elicottero”
Numerose arterie stradali sono state chiuse al traffico e altre invece sono state ripristinate. Intanto, E’ stato ristabilito il collegamento della strada statale 120 “dell’Etna e delle Madonie” con i comuni di Troina e Cerami, in provincia di Enna, che erano rimasti isolati per due giorni. Il comune di Troina è raggiungibile da est (Catania), mentre il comune di Cerami si può raggiungere da ovest. Inoltre, Troina è raggiungibile attraverso la strada statale 575 “di Troina”. Le imprese di intervento dell’Anas sono al lavoro per rendere possibile anche il collegamento diretto tra le due località. Statale chiusa al traffico da Madonnuzza (Petralia Soprana) a Gangi e ai km 41-42 tra Tremonzelli e Madonnuzza.
Chiuse al traffico le strade statali della zona settentrionale: la strada statale 113 dal km 7 al km 13 e dal km 86 al km 87; la strada statale 575 fino al km 14; la strada statale 289 dal km 15 al km 49; la strada statale 124 dal km 105 al km 106; la strada statale 117 dal km 27 al km 42, la strada statale 643 fino al km 22 (tra innesto statale 120 e innesto A19 a Scillato), la strada statale 121 dal km 174 al km 186 e la statale 285 dal km 14 al km 22 nel tratto tra Caccamo e Roccapalumba (Pa).
Intanto è stato ristabilito il contatto con le isole Eolie. Così, dopo due giorni di isolamento sono ripresi i collegamenti da e per le Eolie.  E’ salpato da Milazzo l’aliscafo della Libertylines per Vulcano, Lipari e Rinella. Da Lipari gia da ieri è partito aliscafo per Vulcano e Milazzo. Ancora ferme le navi della Siremar. Il mare continua ad essere mosso (forza 5) per il vento che forte soffia da nord. Resta sempre critica la situazione nelle isole minori che ancora e da diversi giorni soffrono della discontinuità nei collegamenti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook