Archiviato in | Musica, Spettacolo

TEATRO BELLINI, RAPPRESENTATO “I AM BEAUTIFUL”

TEATRO BELLINI, RAPPRESENTATO “I AM BEAUTIFUL”

Lo spettacolo è stato ideato con la collaborazione del drammaturgo Nello Calabrò, che da anni affianca il coreografo con la sua Compagnia Zappalà Danza/Scenario Pubblico, conferma di essere un nome di riferimento della danza contemporanea di respiro internazionale.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO BELLINI, RAPPRESENTATO “I AM BEAUTIFUL” –

Fotografia: Serena Nicoletti

Poco prima dell’inizio dello spettacolo teatrale di ieri sera, in piazza Vincenzo Bellini, si vedevano centinaia di spettatori in fila all’ingresso del teatro. Al botteghino persone in abbigliamento casual. Pochi capelli bianchi in sala. Inizia lo spettacolo. Amato come una star dai fedelissimi che lo seguono dai primi passi della sua promettente carriera, Roberto Zappalà con la sua compagnia di danza, strappa gli applausi del Teatro Massimo Bellini, dove va in scena “I Am Beautiful”. Sul palcoscenico, totalmente privo di elementi scenografici, nove ballerini hanno esplorato e moltiplicato le infinite possibilità della gestualità umana. Il loro corpo è potente e dinamico nel ritmo del movimento. In tuta verde o con biancheria intima, incarnano la purezza della danza e null’altro. Così suggerisce la creatività “modem” dello Zappalà, un coreografo che aspira a pervenire ad una danza “democratica”, comprensibile anche a chi per la prima volta vede uno spettacolo di danza contemporanea. “Questo è un tipo di danza- ha dichiarato- che va direttamente al sistema nervoso dello spettatore, senza passare necessariamente dal cervello. In questo spettacolo ho voluto rinunciare a qualsiasi elemento narrativo. La creatività si esprime priva drammaturgia”.
Le componenti gestuali hanno trovato esaltazione nelle sonorità preminentemente ritmiche de I Lautari, esecutori dal vivo di un memorabile “Stabat Mater” declinato in lingua siciliana. Il gruppo catanese ha anche sottolineato con sonorità espressioniste il quadro vivente ispirato “La Danse” di Matisse.
Nel dietro le quinte Roberto Zappalà ha indicato lo spunto di ispirazione del suo spettacolo: “Una visita al Museo Rodin, dove è esposto il gruppo scultoreo Je suis belle, conosciuto universalmente con il nome di I Am Beautiful. Ho voluto che quella scultura, di pietra o bronzo, si sciogliesse per lasciare il posto alla bellezza del corpo in movimento”. Ecco dunque che Zappalà stimola i ballerini a sollevare il corpo raggomitolato delle danzatrici, esattamente come fa Atlante con la Terra, così come si vede nella statua di Auguste Rodin.
“Spesso nella danza la bellezza è intesa come sinonimo di corpi statuari. Noi invece -conclude Zappalà- abbiamo voluto porre l’accento sulla bellezza fragile, espressa dalle giunture piegate a fatica dai ballerini: l’umanità si riconosce in questo difficile sforzo”.

Fotografia: Serena Nicoletti

Gli applausi del pubblico hanno confermato il successo di I Am Beautiful, già affermatosi sin dal suo debutto, a Ferrara, e poi anche a Verona, dove è stato rappresentato la scorsa primavera.
Lo spettacolo è stato ideato con la collaborazione del drammaturgo Nello Calabrò, che da anni affianca il coreografo che, con la sua Compagnia Zappalà Danza/Scenario Pubblico, conferma di essere un nome di riferimento della danza contemporanea di respiro internazionale.
Lo spettacolo – quarta tappa del progetto Transiti Humanitatis -, ha visto la partecipazione dei danzatori: Maud de la Purification, Filippo Domini, Sonia Mingo, Gaetano Montecasino, Adriano Popolo Rubbio, Fernando Ronald Ferrer, Claudia Rossi Valli, Ariane Roustan, Valeria Zampardi.
Musicisti: I Lautari, Puccio Castrogiovanni, Salvo Ferruggio, Marco Corbino, Gionni Allegra, Salvatore Assenza.
Una produzione Compagnia Zappalà Danza/Scenario Pubblico – Centro Nazionale di Produzione della Danza.
In collaborazione con Impuls Tanz Vienna International Dance Festival, ?Teatro Comunale di Ferrara, Teatro Garibaldi/Union des Théatres de l’Europe, ?Teatro Massimo Bellini Catania.
Con il sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Regione Siciliana Ass.to del Turismo, Sport e Spettacolo.
Replica il 5 gennaio, alle ore 21, nell’ambito degli spettacoli fuori abbonamento, il Teatro Massimo Bellini.

Francesca Lo Faro

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook