Archiviato in | Cronaca Regionale

ASSICURAZIONI TRUFFATE, INDAGATE 77 PERSONE

ASSICURAZIONI TRUFFATE, INDAGATE 77 PERSONE

Sono settantasette gli indagati, tutti accusati di associazione per delinquere, frode e falsa testimonianza. Tra loro due medici e due avvocati. L'inchiesta riguarda una operazione del 2012 contro il clan dei "Cursoti".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ASSICURAZIONI TRUFFATE, INDAGATE 77 PERSONE –

A conclusione di indagini effettuate dalla squadra mobile di Catania che riguardavano truffe a compagnie assicurative con falsi incidenti stradali, la Procura di Catania etnea ha chiesto il rinvio a giudizio di 77 persone. Queste sono imputate, a vario titolo, di associazione per delinquere, frodi assicurative, falsa testimonianza, accesso abusivo a sistema informatico e falso.
Tra gli indagati anche un medico ortopedico, un medico legale, due infermieri professionali, un assistente socio-sanitario, un fisioterapista, un consulente assicurativo e due avvocati.
L’inchiesta portata avanti dalla Procura di Catania è scaturita da uno stralcio dell’operazione ‘Nuovo Corso’ effettuata l’otto maggio del 2012 contro il clan dei Cursoti.  Faceva parte del clan Antonino Arena, 46 anni, al quale nell’aprile del 2013 furono sequestrati beni mobili e immobili. Arena oggi è accusato di essere a capo del gruppo che organizzava le truffe.
La banda si avvaleva di informazioni carpite ai pronto soccorso dei nosocomi e manomettendo il sistema informatico rilasciavano certificati medici falsificati per traumi inesistenti. Per impiantare il falso sinistro, si avvalevano di uno schema tipo ricostruito dalla polizia di Stato. Il procedimento illegale prevedeva il coinvolgimento di un danneggiato fisico che poteva o meno coincidere con il proprietario del mezzo danneggiato, un responsabile dell’incidente (assicurato) e un testimone.
Addirittura uno degli incidenti truccati finiti sotto ‘inchiesta’ è stato liquidato con un premio assicurativo di 100mila euro. La Procura di Catania ha coordinato le indagini condotte della squadra mobile che si sono avvalse della collaborazione delle compagnie assicurative che hanno presentato querele per truffa.
Gli agenti della squadra mobile di Catania, nel corso delle indagini, hanno accertato che alcune ‘vittime’ di incidenti stradali che avrebbero dovuto avere la gamba ingessata per una frattura riportata nell’ipotetico scontro circolavano con tranquillità per le strade del centro a bordo di motociclo senza alcun presidio ortopedico. Il gruppo inquisito a un motociclista che aveva riportato fratture multiple per avere evitato un cane è bastato modificare il referto del personale dell’ambulanza intervenuto sul posto da “moto-cane” corretto in “moto-auto”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook