Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA, IL GIORNO DELL’ADDIO ALLE BIMBE

GELA, IL GIORNO DELL’ADDIO ALLE BIMBE

Gaia e Maria Sofia le figlie di Giuseppa Savatta non sono state avvelenate con la candeggina. La 41enne ha confessato ai magistrati la dinamica del duplice omicidio. Pere che i risultati dell’autopsia avrebbero trovato candeggina negli organi interni. La notizia, se confermata, smentirebbe parzialmente la deposizione della madre. I funerali delle bimbe saranno celebrati oggi alle 15,30, nella chiesa madre di Gela.

 

 

GELA, IL GIORNO DELL’ADDIO ALLE BIMBE –

I funerali di Maria Sofia e Gaia Trainito, le due sorelline di 7 e 9 anni uccise martedì scorso dalla madre, Giuseppa Savatta saranno celebrati oggi alle 15,30, nella chiesa madre di Gela. Il rito funebre sarà officiato dal vescovo della diocesi di Piazza Armerina, monsignor Rosario Gisana. Intanto, il sindaco, Domenico Messinese, ha proclamato il lutto cittadino: bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici comunali e chiusura dei negozi per la durata dei funerali.
Nei Giorni scorsi la Giuseppa Savatta, 41 anni, insegnante di Gela, madre delle bimbe uccise era stata interrogata dal procuratore, Fernando Asaro, e dal “sostituto”, Monia Di Marco, nel suo letto dell’ospedale ha confessato in lacrime il suo duplice delitto: “Ho ucciso le mie due bambine soffocandole con le mie mani. La candeggina non c’entra niente. L’ho usata per me perché volevo morire con loro, ma non ci sono riuscita”. La donna si trova in arresto, ricoverata al “Vittorio Emanuele” di Gela dove è piantonata giorno e notte dai carabinieri.
La Savatta che è insegnante di sostegno in una scuola media, aveva chiarito la dinamica dei fatti. Durante l’interrogatorio si trovava in uno stato psichico ancora confuso e tra le lacrime avrebbe raccontato ai magistrati che amava follemente le proprie figlie, Maria Sofia di 9 anni, e Gaia di 7, perché erano il suo vero e unico amore. Voleva stare sempre con loro ma temeva di perderle. Avrebbe precisato inoltre, che la crisi nel rapporto col marito non sarebbe stata determinante nella decisione di sopprimere le due figlie. Il marito, avrebbe ammesso davanti agli inquirenti che con la moglie i rapporti erano molto tesi e che qualche volta aveva anche minacciato di lasciarla ma era un proposito che non intendeva attuare.
Secondo la versione della donna intorno a mezzogiorno, senza alcun motivo, approfittando di averle in casa per le vacanze, ancora in pigiama le avrebbe abbracciate e strangolate. Poi, resasi conto di quello che aveva commesso, avrebbe tentato di uccidersi vicino alle figlie bevendo e versandosi addosso una notevole quantità di candeggina, per poi tentare d’impiccarsi nel bagno con il flessibile della doccia. Poi il rientro in casa del marito, Vincenzo Trainito, 48 anni, ingegnere e insegnante, le avrebbe impedito di portare a compimento l’ultimo gesto.
Il medico legale Cataldo Raffino ha eseguito l’autopsia sui corpicini delle bambine, che si è conclusa a tarda notte.  Non trapela nulla sugli esiti dell’esame, pare che sarebbe stata trovata candeggina negli organi interni. La notizia, se confermata, smentirebbe parzialmente la deposizione della madre che aveva affermato di aver strangolato le figlie e di aver usato la candeggina per se stessa nel tentativo di uccidersi. Ancora gli inquirenti non si pronunciano. Dopo tre giorni dal duplice delitto che ha sconvolto tutti, il procuratore capo, Fernando Asaro, domattina alle 10,30 ha convocato una conferenza stampa per comunicare la versione ufficiale dei fatti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook