Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO E NORMA SUI PRECARI

ARS APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO E NORMA SUI PRECARI

L’Assemblea Regionale Siciliana approva l’esercizio provvisorio e la norma che prolunga il mantenimento dei precari.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARS APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO E NORMA SUI PRECARI –

Il Parlamento Siciliano, con 49 voti a favore, nessun voto contrario e 14 astenuti ha approvato il testo composto da sette articoli, che dovrebbe fare strada al percorso di stabilizzazione dei precari degli Enti Locali siciliani. Quindi per ora garantite le proroghe dal primo gennaio e rinviando le stabilizzazioni al 2018 anche se il percorso non è così lineare come deputati e governo vorrebbero far credere.
Alla votazione si è arrivati velocemente una volta trovato l’accordo sul contestato articolo 3 del disegno di legge che consente a Regioni e Comuni di effettuare nuove assunzioni con contratti di lavoro flessibile se tra il personale a tempo determinato o di lavoro subordinato non siano presenti figure professionali necessarie all’espletamento delle funzioni e dei servizi istituzionali.
Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta in merito ha affermato: “La stabilizzazione dei precari è legge, è il nostro augurio di fine anno per tutta la fascia del precariato. Tutti i precari, gli rmi, ex pip, asu vengono prorogati e soprattutto nei confronti di queste ultime categorie viene riconosciuto il diritto alle ferie, alla malattia, alla maternità che fino ad oggi non era stato riconosciuto. E’ una grande pagina di dignità, che abbiamo voluto dare a tutti i lavoratori precari della Sicilia. Ora pensiamo ai disoccupati”.
Il presidente del gruppo Pd Alice Anselmo e il vice presidente Giovanni Panepinto hanno evidenziato che: “La norma sui precari è un atto di responsabilità nei confronti di migliaia di lavoratori e di centinaia di amministrazioni locali. Governo e Parlamento siciliano hanno dimostrato attenzione e impegno”. E ancora i deputati puntualizzano: “Quest’anno abbiamo messo il tassello che mancava al percorso di stabilizzazione di un bacino, composto da diverse categorie, ormai indispensabile al funzionamento di enti e comuni, che comprende anche i lavoratori delle ex Province”.
Comunque la si voglia interpretare la legge approvata è poco più di un’altra proroga, un salvataggio in extremis che potrebbe incepparsi. Le norme contenute per i precari appaiono le stesse che erano state previste nella ‘finanziaria tecnica’. Intanto, votata la norma sui precari in meno di un’ora è stato poi approvato anche l’esercizio provvisorio. Quindi, evaso l’impegno, i deputati possono ora serenamente pensare a come trascorrere il Capodanno.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook