Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PICCHIATO E RAPINATO IL PARROCO DELLO ZEN

PICCHIATO E RAPINATO IL PARROCO DELLO ZEN

Il sacerdote, si era addormentato e lo hanno derubato. I malviventi hanno anche rubato dalla chiesa il tabernacolo. Il parroco è il nipote dell'ex presidente della Repubblica Pertini.

 

 

PICCHIATO E RAPINATO IL PARROCO DELLO ZEN –

Quattro banditi con il volto coperto, ieri intorno alle 5, sono penetrati all’interno della canonica e poi in casa parroco nel quartiere palermitano Zen, Miguel Pertini, nipote dell’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini durante l’assalto lo hanno picchiato e rapinato. Dalla chiesa, attraverso la canonica, sono saliti al secondo piano dello stabile dove ci sono gli alloggi. Il religioso è stato sorpreso mentre dormiva. Si sono fatti consegnare 300 euro in valuta argentina e 100 euro in contanti.
In chiesa hanno rubato il tabernacolo con i calici e le ostie per l’eucarestia. Pare che il sacerdote sia stato colpito alla testa e abbia riportato un ematoma. Condotto al pronto soccorso, è stato dimesso dopo la medicazione.
Secondo la testimonianza del religioso alla Polizia pare che uno dei quattro aggressori lo abbia colpito con un oggetto per farsi consegnare il denaro.
Appena appresa la notizia il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando ha inviato una nota di solidarietà al parroco: “La vile aggressione di cui è stato vittima padre Pertini con la sua famiglia nella parrocchia di San Filippo Neri, nel quartiere Zen, è un fatto gravissimo che segna un salto di qualità per violenza e contenuto. L’impegno di padre Pertini, in prima fila con al fianco l’amministrazione, ha evidentemente dato fastidio e dà fastidio a quanti per anni hanno avuto il controllo sul territorio e oggi hanno perso terreno”. Il primo cittadino ha aggiunto: “il Comune è e sarà sempre a fianco di padre Pertini e di tutti coloro che allo Zen lavorano ogni giorno per costruire un futuro migliore per quel quartiere, che significa un futuro migliore per tutta Palermo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook