PALERMO, TAR ANNULLA NOMINA ORLANDO COMMISSARIO ATO IDRICO 1

PALERMO, TAR ANNULLA NOMINA ORLANDO COMMISSARIO ATO IDRICO 1

Caos nella gestione dell’ATO idrico 1 di Palermo, Tar annulla nomina Orlando a commissario che dice: “si conferma ancora una volta lo stato confusionale con cui è gestito il delicatissimo settore dell’acqua, come quello dei rifiuti, da parte della Regione”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO, TAR ANNULLA NOMINA ORLANDO COMMISSARIO ATO IDRICO 1 –

Il TAR di Palermo ha accolto la richiesta di sospensione del Decreto regionale con cui il Sindaco metropolitano, Leoluca Orlando, è stato nominato dalla Regione. L’ordinanza è del 21 dicembre, notificata il 22 al Dipartimento Energia, Acqua e Rifiuti e al Commissario dell’ATO Idrico 1, così come era accaduto per il Commissario straordinario della Provincia Manlio Munafò, anch’egli nominato Commissario dell’ATO.
La nomina sarebbe infatti illegittima perché non si possono attribuire incarichi di Commissario straordinario ad organi politici, ad esempio anche il Sindaco Metropolitano. La carica non può essere conferita a quei soggetti privi dei requisiti tecnici previsti dalla legge per questi ruoli che sono di carattere manageriale.
La posizione personale di Leoluca Orlando, per la “tripla” carica, di Sindaco della Città di Palermo e della Città Metropolitana che potrebbe confliggere con quella di Commissario dell’ATO. La vicenda si complica ancor di più perchè i tre enti sono attualmente in conflitto giuridico fra di loro, poiché sia la ex Provincia sia la città di Palermo sono parte in causa nel procedimento fallimentare dell’ATO, per decine di milioni di Euro.
Il Sindaco metropolitano Leoluca Orlando interviene: “Errori grossolani, puntualmente censurati dalla Giustizia amministrativa, dimostrano che invece di agire con raziocinio e legalità, ci si affida, nel migliore dei casi, all’improvvisazione. Si conferma ancora una volta lo stato confusionale con cui è gestito il delicatissimo settore dell’acqua, come quello dei rifiuti, da parte della Regione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook