Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA, AVVELENA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO

GELA, AVVELENA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO

La madre omicida è Giuseppa Savatta 41 anni. La madre di Gaia, 7 anni, e Maria Sofia, 9, le ha avvelenate con la varichina che ha anche ingerito anche lei e poi tentato di suicidarsi lanciandosi dal balcone. Il duplice omicidio scoperto dal papà delle bimbe che ha anche salvato la moglie trattenendola.

 

 

GELA, AVVELENA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO –

La tragedia si è consumata a Gela in provincia di Caltanissetta. Giuseppa Savatta 41 anni ha ucciso le sue due figlie, Gaia, di 7 anni, e Maria Sofia, di 9, avvelenandole con la candeggina. Poi ha tentato il suicidio provando a ingerire anch’essa della varichina poi ha tentato di scavalcare la ringhiera del balcone della sua casa, al secondo piano di un edificio di via Passaniti, nel centro storico della città.
Il duplice omicidio è stato scoperto dal marito della donna, Vincenzo Trainito, 48 anni, ingegnere che insegna in un istituto scolastico privato, appena rientrato in casa. L’uomo l’ha pure bloccata mentre tentava di lanciarsi dal balcone, poi ha chiamato polizia e carabinieri. Dalle testimonianze di alcuni vicini pare che la donna soffrisse di depressione ma l’indiscrezione non è confermata.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook