Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BOTTI IN CANTINA SEQUESTRATI A CATANIA

BOTTI IN CANTINA SEQUESTRATI A CATANIA

Operazione della Guardia di Finanza nel villaggio Sant'Agata a Catania, sequestrati oltre 270 chili di fuochi pirotecnici: una persona denunciata. Il Codacons lancia un appello ai sindaci devono vietarli.

 

 

BOTTI IN CANTINA SEQUESTRATI A CATANIA –

Blitz della Guardia di Finanza di Catania nel quartiere Villaggio S. Agata a Catania. I militari hanno sequestrato, più di 45 mila botti pronti per essere immessi sul mercato clandestino. La polvere da sparo corrispondeva a circa 270 chili. Le capsule dei giochi pirotecnici erano detenuti illecitamente ed erano stati collocati in una cantina condominiale. L’uomo, un italiano, è stato denunciato per detenzione di materiale esplodente.
Inoltre, i finanzieri hanno rinvenuto, diverse micce utilizzate per costruire l’innesco per la produzione di fuochi e diversi “spaccati”, artifizi pirotecnici di manifattura artigianale, la cui accensione sarebbe avvenuta attraverso l’utilizzo di un tubo in ferro per il lancio.
Francesco Tanasi segretario nazionale dei consumatori e responsabile del Codacons, come ogni anno interviene sulla questione chiedendo alle amministrazioni comunali di vietare l’uso dei botti: “Basta con i fuochi d’artificio di fine anno” e nella nota auspica anche l’intervento del Ministro dell’Interno.
Tanasi lancia l’allarme e dice: “Non si tratta, infatti, solo di una primitiva e pericolosa usanza, che ogni anno provoca centinaia di feriti, anche gravi, ma anche di una pseudo-moda che, al di là degli incidenti, costituisce comunque un problema serio per la salute, in particolare per bambini, anziani ed animali. E’ bene precisare che sono pericolosi tutti i botti, non solo quelli illegali, ma anche quelli legali usati correttamente”.
Continua il segretario del Codacons: “Al di là degli incidenti provocati da un uso improprio dei fuochi d’artificio, infatti, anche quelli perfettamente esplosi, senza inconvenienti, provocano un pericoloso aumento delle polveri sottili. La conseguenza è che il primo dell’anno nelle città si supera il limite di legge di 50 microgrammi al metro cubo fissato per il PM10, con un valore, a seconda della città, da doppio a triplo rispetto alla media del periodo. Ricordiamo che per ogni aumento di 10 microgrammi di polveri sottili concentrate nell’aria, cresce del 3 per cento il rischio di problemi respiratori tipici dei bambini.
In conclusione Tanasi mette in guardia amministratori e popolazione sugli effetti negativi che producono a danno della salute: “Che se si arriva a cento microgrammi, il rischio aumenta del 20 per cento. A correre i maggiori rischi per la salute sono bambini, anziani, asmatici, chi soffre di patologie respiratorie e tutti quelli che hanno patologie correlabili all’inquinamento. Inoltre è accertato che i botti fatti scoppiare in prossimità di un cane o di un altro animale domestico, producono danni irreversibili che vanno dalla morte (spesso per la paura si buttano dai balconi) allo spavento, dalla follia ai danni all’udito. Una ragione in più perchè siano vietati”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook