Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

UCCISO KILLER DI BERLINO, AMRI BLOCCATO A MILANO

UCCISO KILLER DI BERLINO, AMRI BLOCCATO A MILANO

Bloccato e ucciso il presunto attentatore di Berlino Anis Amri. La Questura di Catania con una informativa aveva segnalato l’indole violenta dell’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

UCCISO KILLER DI BERLINO, AMRI BLOCCATO A MILANO –

Il presunto autore della strage di Berlino è stato ucciso in una sparatoria a Milano. Pochi minuti fa lo ha annunciato in conferenza stampa il ministro degli Interni Minniti. Il terrorista ha ferito un poliziotto. Il presunto killer di Berlino, Anis Amri risulterebbe essere l’autista del Tir che ha travolto e ucciso 12 persone e causato numerosi feriti al mercatino di Natale.
Secondo le prime informazioni comunicate dal ministro degli interni, l’uomo durante un normale controllo stradale in piazza I Maggio a Sesto San Giovanni. Nelle prime ore del mattino, dopo la richiesta di esibire i documenti ha estratto una pistola sparando all’agente di una Volante urlando “Allah Akbar”, un poliziotto che era all’interno della vettura ha prontamente risposto al fuoco uccidendolo. Successivamente è stato identificato come Amis Amri, il killer di Berlino, una conferma arrivata sia per tratti somatici sia per la comparazione delle impronte digitali.
Amri, camminava a piedi, una volta bloccato e alla richiesta di mostrare i documenti avrebbe estratto una pistola dallo zaino e avrebbe sparato a un poliziotto, colpendolo a una spalla. Gli agenti avrebbero risposto al fuoco, colpendolo a morte. La persona uccisa non aveva con se documenti. Il poliziotto colpito alla spalla è stato portato all’ospedale di Monza: le sue condizioni non sarebbero gravi.
Lo scorso mese di giugno la Questura di Catania, nell’ambito di un monitoraggio su clandestini ‘pericolosi giunti in Italia’, ha inviato una dettagliata informativa alla Direzione centrale di polizia di prevenzione su Anis Amir. La nota era stata sollecitata dall’Intelligence in quanto probabilmente era scomparso, dopo che la Tunisia aveva rifiutato l’espatrio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook