Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMITANI SCAMPATI ALLA STRAGE DI BERLINO

PALERMITANI SCAMPATI ALLA STRAGE DI BERLINO

Giuseppe La Grassa racconta quei terribili momenti vissuti a Berlino mentre passeggiava al mercatino di Natale dove il Tir ha seminato la morte. La vittima racconta che è stato colpito dalla parte posteriore del grosso mezzo dopo aver travolto le strutture in legno.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMITANI SCAMPATI ALLA STRAGE DI BERLINO –

Tragico il racconto del palermitano rimasto ferito nella strage di Berlino: “Siamo stati miracolati, mia moglie è viva per puro caso”. Giuseppe La Grassa, 34 anni, palermitano, ha 25 punti di sutura in faccia e dovrebbe essere operato. La Grassa è rimasto ferito nell’attentato al mercatino di Berlino dove si trovava con la moglie Elisabetta Ragno. La coppia è già tornata a Palermo. La moglie, originaria di Milazzo, ma anche lei trasferitasi a Palermo. La coppia si era recata in Germania per festeggiare l’anniversario di nozze e il compleanno de marito.
Giuseppe La Grassa racconta quei terribili momenti vissuti a Berlino mentre passeggiava al mercatino di Natale dove il Tir ha seminato la morte. La vittima racconta che è stato colpito dalla parte posteriore del grosso mezzo dopo aver travolto le strutture in legno. Inoltre dice: “Noi avevano l’albergo vicino al mercatino. Stavamo rientrando”. Poi continua: “Ho visto la morte in faccia. Siamo miracolati. Ho sentito il rombo del tir e ho capito che stava accadendo qualcosa di grave. Mia moglie è viva per miracolo. Stava per prendere un panino, ma si era un attimo attardata. E’ stata superata da una ragazza che poi è morta investita dal camion”.
La Grassa continua il tragico racconto: “ricordo della forte accelerazione, del Tir finito contro le capannine”. Poi ho cercato mia moglie l’ho trovata e siamo fuggiti. Pensavo che il camion fosse imbottito di esplosivo. Avevo detto poco prima a mia moglie che in questo mercatino c’erano pochi controlli. Altre zone di Berlino erano particolarmente controllate”.
Dopo la strage, la vittima racconta di essere stato notato da un paramedico tedesco che li ha condotti in un albergo dove ha ricevuto le prime cure e le suture delle ferite al volto. Successivamente sono stati trasferiti in ospedale. Dopo l’arrivo a Palermo ed essere stato sottoposto a visita di controllo,  la decisione di essere operato. Intervento Che La Grassa ha voluto rimandare nei prossimi giorni.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook