Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA DENARO SOTTO ATTACCO

MESSINA DENARO SOTTO ATTACCO

Il numero uno di Cosa nostra controllava la provincia di Trapani. Gli uomini della Squadra Mobile hanno sequestrato tre imprese, attraverso le quali, il boss controllava il territorio. La polizia ha effettuato 11 arresti. Dalle indagini è emerso che cosa nostra si era infiltrata nell’esecuzione dei lavori per il parco eolico di Mazara. Nell’indagine pare sia coinvolto anche un noto giornalista che conduceva campagne antimafia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MESSINA DENARO SOTTO ATTACCO –

L’operazione antimafia è stata denominata in codice “Ermes 2”. Complessivamente sono stati impegnati oltre settanta uomini della polizia di Trapani, Palermo, Mazara del Vallo e Castelvetrano. Il blitz della polizia ha inflitto un altro duro colpo al clan del superlatitante Matteo Messina Denaro. Sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, gli uomini della squadra mobile di Trapani, hanno eseguito 11 misure cautelari. Inoltre la polizia ha sequestrato tre imprese controllate da Cosa nostra.
Secondo gli inquirenti il boss, attraverso le imprese sequestrate, era in grado di condizionare gli appalti nella zona del Trapanese. Le indagini hanno confermato i l’asse tra il clan mafioso di Mazara del Vallo, retto secondo gli investigatori da Vito Gondola, e quello di Castelvetrano. Sono stati svelati gli accordi per la spartizione degli appalti che dirigeva il latitante Messina Denaro, cui Gondola si sarebbe rivolto per risolvere le controversie che man mano si presentavano.
Tra i personaggi coinvolti nell’inchiesta c’è anche il giornalista freelance Filippo Siragusa, noto per le sue campagne antimafia. Siragusa è accusato di fittizia intestazione di beni, gli è stato applicato l’obbligo di dimora e di firma. Secondo i pm avrebbe creato, assieme ad altre tre persone, una società, la Medio ambiente società coop, che sarebbe stata la prosecuzione della Mestra srl, ditta degli imprenditori Loretta, sponsorizzati dal capomafia di Mazara del Vallo Vito Gondola.
Le società poste sotto sequestro erano direttamente controllate dalle famiglie mafiose del Trapanese attraverso alcuni prestanome. Tramite queste imprese ‘cosa nostra’ si sarebbe infiltrata, ad esempio, per la realizzazione dei lavori del parco eolico di Mazara del Vallo e nei lavori di ristrutturazione dell’ospedale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook