ISTAT: SUD INCREMENTA EXPORT, CROLLA LA SICILIA –

ISTAT: SUD INCREMENTA EXPORT, CROLLA LA SICILIA –

Pubblicati i dati Istat per il Sud, il Mezzogiorno raggiunge più 10,6% rispetto allo scorso anno, mentre in Sicilia crollano le vendite all'estero meno 21%.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ISTAT: SUD INCREMENTA EXPORT, CROLLA LA SICILIA –

Secondo i dati Istat che riguardano le esportazioni del Sud Italia, nei primi nove mesi dell’anno la crescita delle vendite ha raggiunto il più 10,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’incremento è superiore di oltre 20 volte dell’aumento medio nazionale che si ferma al più 0,5%. Si allontana anche il risultato dell’Italia nord-orientale e centrale che arriva al più 1,5% in entrambe le zone e così addirittura come da quello del Nord Ovest meno 0,8%. Crollano invece le esportazioni delle Isole meno 21,3%.
Il 2016 nei primi tre trimestri ha registrato l’aumento delle vendite di autoveicoli dalla Basilicata e di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi: Lazio, Friuli-Venezia Giulia e Liguria contribuiscono positivamente all’export nazionale per un punto percentuale. Nello stesso periodo, la diminuzione delle esportazioni di autoveicoli dal Piemonte e di prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia e dalla Sardegna fornisce un contributo negativo per oltre un punto percentuale alle vendite nazionali sui mercati esteri.
Le regioni che raggiungono un segnale positivo alla crescita delle esportazioni nazionali: Basilicata (+76,6%), Abruzzo (+12,1%), Emilia-Romagna (+1,5%), Friuli-Venezia Giulia (+5,5,%), Marche (+5,2%) e Liguria (+8,5%). Tra quelle che forniscono un contributo negativo si evidenziano: Piemonte (-4,9%), Sicilia (-21,2%) e Sardegna (-21,4%).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook