Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ONDA D’URTO, CARABINIERI AZZERANO CLAN DI BIANCAVILLA

ONDA D’URTO, CARABINIERI AZZERANO CLAN DI BIANCAVILLA

Maxi blitz dei carabinieri con l’operazione antimafia ‘Onda d'urto’. Imprenditore di Biancavilla costretto a versare il pizzo dal 2012 era sotto scacco degli estorsori, vessato ha denunciato gli aguzzini. L’azione dei militari ha prodotto 7 fermi e 4 arresti nella cosca Mazzaglia-Toscano-Tomasello collegata alla famiglia Santapaola Ercolano.

 

 

ONDA D’URTO, CARABINIERI AZZERANO CLAN DI BIANCAVILLA –

L’operazione è stata denominata ‘Onda d’urto, ha origine dalle indagini su presunti appartenenti al clan ‘Mazzaglia-Toscano-Tomasello’, attivo nel comune di Biancavilla e collegato con la ‘famiglia’ catanese ‘Santapaola-Ercolano’. Dopo l’arresto di sette persone che sono state fermate per estorsione continuata e aggravata dal metodo mafioso. I carabinieri di Catania nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura etnea che il 5 dicembre scorso ha portato all’arresto in flagranza di reato di Fabio Amoroso, 23 anni.
I fermati sono: Vincenzo Salvatore Panebianco 26 anni, Vincenzo Monforte di 30, Tino Caruso 38 anni, Placido Merlo di 34, Antonino Aricò 34 anni, Angelo Santi 39 anni, Alfio Ambrogio Monforte, di 47, bloccato dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia, dove l’uomo risiede. Per lo stesso reato è stata inoltre notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a Giuseppe Amoroso 47 anni, Gregorio Gangi 27 anni, Massimo Merlo 44 e Roberto Maglia 29 anni.
La Dda della Procura di Catania ha aggiunto agli atti dell’inchiesta gli esiti di intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a riprese video, che avrebbero permesso di ricostruire l’estorsione e di evidenziare ruoli e dinamiche all’interno del clan. Su disposizione dell’autorità giudiziaria gli indagati sono stati condotti nella casa circondariale di Catania Bicocca, a esclusione di Alfio Ambrogio Monforte, trasferito nell’istituto penitenziario di Reggio Emilia. operazione_onda_durto_biancavilla
Secondo l’accusa dal 2012 imponevano il pagamento di tangenti a un imprenditore di Biancavilla che stanco delle continue vessazioni ha deciso di denunciare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook