Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SIRACUSA, NOVE ARRESTI PER ESTORSIONE

SIRACUSA, NOVE ARRESTI PER ESTORSIONE

Operazione antimafia della polizia. Scattate le manette a nove affiliati al clan Borgata di Siracusa accusati di estorsione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SIRACUSA, NOVE ARRESTI PER ESTORSIONE –

Blitz degli agenti della squadra mobile della Questura di Siracusa. L’operazione denominata “Borgata” è stata eseguita stamane da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catania nei confronti di nove persone accusate di fare parte della cosca mafiosa “Borgata”. Il reato contestato dalla Procura è associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata polizia_auto_5all’estorsione.
Le indagini sono state coordinate dalla Dda di Catania e si sono articolate attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, appostamenti e pedinamenti, perquisizioni e sequestri. Vi è stato anche il contributo dei collaboratori di giustizia Giuseppe Curcio, all’epoca promotore e organizzatore di quel gruppo, Carmela Sciuto e Luca Sipala.
Il Gip ha disposto l’arresto di Danilo Greco, 30 anni; Vincenzo Scalzo, 31 anni; Massimo Schiavone, 42 anni; Massimiliano Fazio, 32 anni; Attilio Scattamagna, 32 anni; Salvatore Tartaglia, 29 anni; Massimo Guarino, 31 anni; Sebastiano Barbiera, 50 anni. Comandata ai domiciliari Rita Attardo, 50 anni.
Le attività erano gestite prevalentemente da Scalzo e, dopo la sua scarcerazione, da Schiavone. Rita Attardo aveva il compito di recapitare agli affiliati disposizioni scritte e verbali dei propri figli detenuti. Nel corso delle indagini sono emersi diversi episodi estorsivi, molti dei quali non denunciati dalle vittime, contestati a Scalzo, Fazio, Greco e Tartaglia.
Il gruppo della “Borgata” nel corso degli anni si era affiliato dal clan mafioso Bottaro-Attanasio e aveva iniziato a operare in piena autonomia nell’omonimo quartiere aretuseo.
I membri del sodalizio imponevano il pagamento del pizzo ai commercianti i cui esercizi si trovavano nella zona di influenza. Il ricavato del pizzo veniva reinvestito nel traffico delle sostanze stupefacenti o in attività commerciali lecite.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook