PRECARI EX PIP IN SCIOPERO A PALERMO

PRECARI EX PIP IN SCIOPERO A PALERMO

Protestano gli ex pip di Palermo. I sindacati hanno presentato ieri un documento di proposte unitario in commissione Lavoro all’Ars. Su tutte le altre richieste non sono arrivate risposte concrete dicono: “e su richiesta dei lavoratori riteniamo opportuno andare avanti con la protesta a oltranza”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRECARI EX PIP IN SCIOPERO A PALERMO –

Sciopero a oltranza dei precari ex Pip di Palermo “Delusi per la mancata stabilizzazione”. I sindacati hanno presentato ieri un documento di proposte unitario in commissione Lavoro all’Ars.  I rappresentanti Uiltucs Uil, Filcams Cgil e Fisascat Cisl guidate da Marianna Flauto, Monia Caiolo e Mimma Calabrò, al termine dell’audizione in commissione Lavoro all’Ars, dove erano assenti sia l’assessore regionale Gianluca Miccichè sia alcuni capigruppo hanno consegnato un documento dove si rappresenta il rammarico della categoria: “perché delusi dalla discussione che si è tenuta, la quale ha dato risposte solo parziali alle nostre richieste”.
Nella nota si evince il malcontento: “Non ci riteniamo soddisfatti in quanto gli impegni sul processo di stabilizzazione sono stati molto generici e astratti, per cui la protesta non viene sospesa. L’unico chiarimento certo è arrivato sul riconoscimento degli istituti fino ad oggi negati. La dirigente generale Bullara e il capo di gabinetto dell’assessorato Bruno hanno garantito che è stato già predisposto un pacchetto-lavoro di proposte che andranno in Finanziaria regionale al cui interno c’è una specifica norma per il riconoscimento ai Pip di tutti quegli istituti contrattuali come la maternità, la 104, le ferie e in generale di quegli istituti al momento riconosciuti anche agli Asu”. protesta_precari_ex_pip_palermo
I rappresentanti sindacali aggiungono che, su tutte le altre richieste non sono arrivate risposte concrete: “e su richiesta dei lavoratori riteniamo opportuno andare avanti con la protesta, tanto che alcuni nostri rappresentanti si recheranno oggi dalla Digos per ottenere l’autorizzazione allo sciopero a oltranza. Chiederemo quindi un incontro al presidente della Regione, Rosario Crocetta e agli assessori interessati per discutere meglio la questione. Gli stati d’animo dei lavoratori sono esasperati, si aspettavano risposte più tangibili che non sono arrivate”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook