Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BUTTAFUORI DELLA COSCA BRUNETTO IN DISCOTECA, 12 ARRESTI

BUTTAFUORI DELLA COSCA BRUNETTO IN DISCOTECA, 12 ARRESTI

Blitz dei carabinieri contro il clan guidato da Pietro Carmelo Olivieri che opera tra Castiglione di Sicilia, Giarre e Fiumefreddo gli arrestati operavano rapine, furti d'auto, spaccio di droga e controllo dei locali.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BUTTAFUORI DELLA COSCA BRUNETTO IN DISCOTECA, 12 ARRESTI –

I Carabinieri del nucleo investigativo di Catania hanno eseguito un’operazione antimafia con la notifica di un’ordinanza cautelare nei confronti di 12 persone. Gli indagati sono accusati di fare parte del gruppo mafioso Brunetto, capeggiato da Pietro Carmelo Olivieri, che opera nelle zone tra Castiglione di Sicilia, Giarre e Fiumefreddo di Sicilia. Secondo le indagini la compagine era collegata al clan mafioso Ercolano-Santapaola.
Giuseppe Calandrino, uno degli arrestati è stato trovato in possesso di armi e munizioni. Tra i destinatari del provvedimento anche anche Alfio Di Grazia, Pietro Carmelo Oliveri, Alessandro Siligato e Luca Daniele Zappalà. L’ordinanza è stata notificata in carcere a 5 indagati già detenuti per altri motivi.
La Dda della Procura di Catania ha ipotizzato i reati a vario titolo come associazione mafiosa, spaccio di droga, detenzione di armi e rapina. Le indagini hanno fatto emergere le dinamiche interne al gruppo tra il giugno del 2013 e il novembre del 2014, a guida affidata a Oliveri dopo la morte del capo storico, Paolo Brunetto. Pesa inoltre l’accusa per la contemporanea detenzione domiciliare del fratello del boss, Salvatore Brunetto. arresti_carabinieri
Le indagini dei carabinieri, evidenzia in una nota la Procura di Catania, hanno fatto emergere la commissione di rapine, furti di veicoli e lo spaccio di cocaina e marijuana, oltre a un controllo degli esercizi commerciali della zona di ‘competenza’ con l’imposizione a ristoranti e locali da ballo con l’imposizione di impiegare affiliati come ‘buttafuori’ o ‘addetti alla sicurezza’.
Dagli accertamenti è emersa anche l’attenzione posta dagli associati al gruppo mafioso di evitare controlli delle forze dell’ordine e la ricerca di armi da fuoco per affrontare eventuali aggressioni di gruppi criminali antagonisti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook