Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA, ALTERANO TEST GESTANTE

CATANIA, ALTERANO TEST GESTANTE

Volevano terminare il turno per non restare oltre l'orario di lavoro alterando il test a gestante ricoverata. Le dottoresse ritardano il parto cesareo e causano lesioni gravissime a un neonato. I tre medici del Santo Bambino sono stati sospesi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA, ALTERANO TEST GESTANTE –

L’episodio risale al 2 luglio del 2015 e le indagini sono state avviate dopo la denuncia dei familiari. Il neonato, venuto al mondo con un giro di cordone ombelicale attorno al collo, ha riportato lesioni gravissime: “encefalopatia ipossico-ischemica, tetra paresi spastica, grave ritardo neuro psicomotorio, indebolimento del tronco neuroencefalico”.
L’accusa contestata dalla Procura di Catania alle indagate: “Per evitare di rimanere a lavorare oltre l’orario previsto, avrebbero omesso di eseguire un parto cesareo nonostante i molteplici episodi di sofferenza fetale emersi dal tracciato e avrebbero somministrato alla gestante dell’atropina per simulare una inesistente regolarità nell’esame medico”. Inoltre: “il non avere informato della situazione i colleghi del turno successivo, avrebbe causato la nascita con lesioni gravissime al neonato”.
Due medici dell’ospedale Santo Bambino, Amalia Daniela Paladino e Gina Corrao, sono state sospese dal servizio, rispettivamente per 12 e 6 mesi. Un analogo provvedimento, per 4 mesi, è stato notificato anche alla dottoressa Paola Cairone che: “pur non essendo a conoscenza degli avvenimenti precedenti, praticava alla paziente per due volte le manovre di Kristeller, pratica bandita dalle linee guida, nonostante un tracciato non rassicurante e non contattava in tempo il neonatologo che effettuava il proprio intervento di rianimazione con gravissimo ritardo”. Le tre dottoresse sono accusate anche di falso nella cartella clinica.
La Procura di Catania rileva come, durante le indagini: “è stato accertato” che “all’ospedale Santo Bambino le cartelle cliniche sovente vengono redatte successivamente all’insorgere dell’avvenimento clinicamente rilevante”. Secondo i magistrati, ciò è avvenuto per “una prassi instaurata dai sanitari, e talvolta anche imposta alle ostetriche, e finalizzata a occultare le prove di eventuali responsabilità mediche”. ospedale_santo_bambino_ct
Il manager dell’azienda ospedaliera, Paolo Cantaro, annunciando l’avvio di una indagine interna ha dichiarato: “Abbiamo sospeso immediatamente i tre medici e stiamo cercando di sostituirli per continuare a dare un servizio pubblico in una struttura, come l’ospedale Santo Bambino, alla quale si rivolge ogni anno un imponente numero di donne e gestanti”.
Sulla nota della Procura di Catania che cita di: “redigere cartelle cliniche dopo l’evento clinicamente rilevante” come “prassi instaurata dai sanitari” per “occultare prove di responsabilità mediche”, Cantaro evidenzia: “c’è in corso un’inchiesta della magistratura, e una nostra interna, aspettiamo che si concludano entrambe prima di esprime giudizi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook