Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DRAMMA DELLA GELOSIA AD ADRANO, ARRESTATI

DRAMMA DELLA GELOSIA AD ADRANO, ARRESTATI

Nel 2014 Maurizio Maccarrone 43 anni, fu freddato con diversi colpi d'arma da fuoco. Pare avrebbe avuto una relazione con la ex di un malavitoso. Sono stati arrestati mandante ed esecutore del delitto, entrambi legati al clan Laudani.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DRAMMA DELLA GELOSIA AD ADRANO, ARRESTATI

Arrestati dalla polizia, su ordine del Gip di Catania: Antonio Magro, 41 anni, detto “‘U rannazzisi”, e Massimo Merlo, 44 anni. I due sarebbero ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dell’omicidio di Maurizio Maccarrone, l’impiegato di quarantatré anni ucciso ad Adrano in provincia di Catania la mattina del 14 novembre 2014. Gli indagati sono legati al clan Laudani: Magro attraverso il gruppo mafioso Morabito-Rapisarda di Paternò, e Merlo attraverso gli Scalisi di Adrano. Il movente sarebbe stato la gelosia che Magro provava nei confronti di Maccarrone, per una sua presunta relazione con una ex del mandante, individuata dagli investigatori.
Magro, attualmente si trova in carcere per altri reati. Egli sarebbe stato il mandante dell’omicidio, l’altro l’esecutore materiale. Le immagini di un impianto di video-sorveglianza hanno ripreso le fasi dell’assassinio.omicidio_adrano
Secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Gaetano Di Marco, esponente storico e legato agli Scalisi, collegati alla famiglia mafiosa Laudani, hanno evidenziato che la vicenda, sebbene riconducibile a un movente passionale, era maturato nell’ambito dei gruppi mafiosi operanti nell’area di Paternò, Adrano e Biancavilla, ai cosiddetti “Mussi ‘i ficurinia” riconducibili alla cosca Laudani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook