Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DROGA, AZZERATO ASSE TRA NAPOLI E PALERMO

DROGA, AZZERATO ASSE TRA NAPOLI E PALERMO

Blitz dei Carabinieri nei confronti di 7 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Tra i fermati il favoreggiatore di Matteo Messina Denaro. Trasportavano grosse quantità di droga nascoste nel doppio fondo di un veicolo.

 

 

DROGA, AZZERATO ASSE TRA NAPOLI E PALERMO –

Operazione antidroga dei carabinieri. I militari dell’arma stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Palermo su richiesta della locale procura distrettuale antimafia, nei confronti di 7 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno individuato un canale di approvvigionamento di hashish sul’asse Napoli-Palermo, che serviva a inondare le piazze di spaccio della città.
Arrestati i palermitani Matteo Cracolici, 49 anni, Francesco Failla 42 anni, Antonino Marino, 38 anni e i napoletani Giuliano Marano, 44 anni, Francesco Greco, nato a Marano (Na), 63 anni e Francesco Battinelli, 53 anni. Tra i fermati vi è anche chi ha agevolato la latitanza di Matteo Messina Denaro. Sono in corso le ricerche di una settima persona. I provvedimenti sono del gip Lorenzo Janelli su richiesta della procura di Palermo.
Dopo accurate indagini gli investigatori hanno scoperto un canale di approvvigionamento delle piazze di spaccio del capoluogo siciliano, in contatto con un gruppo criminale di Napoli. Le ricerche vengono fuori parallelamente da una operazione denominata “PantaRei”, che a dicembre 2015 portò all’arresto di 38 persone ritenute appartenere ai mandamenti mafiosi di Porta Nuova e Villabate-Bagheria.
I rapporti tra esponenti di vertice del mandamento di Porta Nuova e un noto pregiudicato 50enne palermitano, Matteo Cracolici, ritenuto un favoreggiatore di Matteo Messina Denaro, hanno consentito numerosi sequestri di droga. Cracolici andava spesso a Marano (Napoli) a casa di Greco al quale consegnava denaro nascosto nel doppio fondo della sua autovettura per far poi rientro a Palermo. In seguito il fornitore, attraverso un corriere, spediva a bordo di un veicolo droga_sequestromodificato e preceduto da un auto “staffetta”, la droga verso il capoluogo siciliano e veniva deposita in una villetta ad Aspra, nel comune di Bagheria, che era a disposizione dagli acquirenti palermitani.
Quando i campani ripartivano, i siciliani si recavano nel residence e si rifornivano della droga necessaria che poi veniva distribuita nella città siciliana. Durante uno di questi viaggi nel giugno2015, sono stati sequestrati 131 kg di hashish trasportati nel doppio fondo di un veicolo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook