REGIONE SALVA L’AEROPORTO TRAPANI – BIRGI

REGIONE SALVA L’AEROPORTO TRAPANI – BIRGI

Assegnati 5,5 milioni di euro ai comuni di Trapani e Comiso per le convenzioni con la compagnia irlandese Ryanair. L’assemblea Regionale siciliana ha votato la norma inserita nella manovra di assestamento che consentirà di salvare lo scalo aeroportuale.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE SALVA L’AEROPORTO TRAPANI – BIRGI –

L’Assemblea Regionale Siciliana con una norma assicura le convenzioni con la compagnia irlandese Ryanair scongiurando l’ipotesi di chiusura dell’aeroporto di Trapani-Birgi. Dopo un lungo e travagliato dibattito, l’aula si è espressa favorevolmente approvando una norma della manovra di assestamento che assegna 5,5 milioni di euro di cui 4 mln al comune di Trapani e 1,5 mln a quello di Comiso. L’assessore all’Economia, Alessandro Baccei prima del voto, aveva avvertito i parlamentari che se non fosse passata la norma Trapani-Birgi avrebbe chiuso i battenti.
L’assessore al Turismo, Anthony Barbagallo con soddisfazione ha evidenziato: “E un ulteriore passo importante del processo di sviluppo strategico che abbiamo innescato e messo in atto, fin dal mio insediamento, per incrementare le presenze turistiche della Sicilia e che interesserà nello specifico quegli ambiti territoriali afferenti gli aeroporti di Trapani, Birgi e Comiso, che hanno delle potenzialità che vogliamo valorizzare. I dati della presenze, registrati in questi aeroporti, sono in continua crescita e l’obiettivo è aeroporto_birgi_ryanairquello di aumentare ancora di più gli arrivi di turisti stranieri con attività di promozione ed interventi mirati”. In conclusione Barbagallo afferma: “puntiamo ad intercettare maggiori flussi puntando anche sulla politica concorrenziale dei prezzi bassi dei biglietti per queste tratte per far conoscere territori che hanno un patrimonio artistico, culturale, storico, naturalistico ed enogastronomico straordinario”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook