Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ASFISSIATI MENTRE LAVORAVANO NELLA CISTERNA DI UNA NAVE

ASFISSIATI MENTRE LAVORAVANO NELLA CISTERNA DI UNA NAVE

La squadra stava lavorando a una saldatura in un'imbarcazione della Siremar ormeggiata al porto di Messina. Poi si sono sentiti male, forse una fuga di gas. Intanto, la Procura del capoluogo peloritano ha aperto un'inchiesta sull’accaduto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ASFISSIATI MENTRE LAVORAVANO NELLA CISTERNA DI UNA NAVE –

Dopo la tragedia sul lavoro che è costata la vita a tre persone mentre il quarto è in gravissime condizioni, il gruppo Caronte & Tourist invia una nota nella quale si legge: “E’ con grande dolore che apprendiamo la notizia della morte di tre operai e del ferimento di un altro marittimo a bordo della nave “Sansovino” della Caronte & Tourist Isole Minori”. E ancora: “Intendiamo esprimere vicinanza alle famiglie delle persone coinvolte nell’incidente e presteremo la massima collaborazione affinché si chiarisca la dinamica dei fatti, al momento al vaglio degli inquirenti. Nel frattempo abbiamo attivato una commissione interna d’inchiesta in modo da fare luce sull’accaduto nel più breve tempo possibile”.
Stavano eseguendo lavori in una cisterna della nave Sansovino della Siremar, ad un certo punto i cinque uomini incaricati a effettuare delle saldature si sono sentiti male: tre di loro sono morti, un quarto è in condizioni gravissime. Quando è successo il fatto l’imbarcazione era ormeggiata al molo Norimberga del porto di Messina.
Qualcosa non ha funzionato, forse il gas che ha causato la morte di: Gaetano D’Ambra, secondo ufficiale di coperta di Lipari; Christian Micalizzi, primo ufficiale di Messina; Santo Parisi operaio di Terrasini. Dai primi accertamenti sembra che siano siremar_tragedia_sansovino_porto_memorti asfissiati dal gas che si è sprigionato all’interno della cisterna del traghetto mentre stavano lavorando a una saldatura. Hanno accusato dei malori e sono precipitati all’interno della cisterna. I corpi dei lavoratori sono stati recuperati da alcune squadre dei vigili del fuoco intervenute sul posto e trasportati al Policlinico. la Procura di Messina ha aperto un’inchiesta sull’accaduto, mentre le indagini sull’incidente sono affidate alla Capitaneria di Porto di Messina.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook