Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STENT SCADUTI, CHIESTO RINVIO A GIUDIZIO PER TRE MEDICI DEL CANNIZZARO

STENT SCADUTI, CHIESTO RINVIO A GIUDIZIO PER TRE MEDICI DEL CANNIZZARO

Primario dell'unità di Emodinamica dell’ospedale Cannizzaro di Catania, Alfredo Galassi e due cardiologi sono stati rinviati a giudizio dalla Procura etnea che ha contestato loro l'accusa di abuso d'ufficio e somministrazione di farmaci guasti.

 

 

STENT SCADUTI, CHIESTO RINVIO A GIUDIZIO PER TRE MEDICI DEL CANNIZZARO –

La Procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio del primario dell’unità di Emodinamica dell’ospedale Cannizzaro, Alfredo Ruggero Galassi, e di due cardiologi dello stesso reparto, Salvatore Adriano Azzarelli e Michele Giacoppo. Sono accusati di aver impiantato, nelle arterie di sette pazienti, durante interventi di angioplastica, ‘stent’ medicali contenenti farmaci antiproliferazione già scaduti di validità.
Michelangelo Patanè, procuratore aggiunto e i sostituti Marco Bisogni e Agata Consoli hanno chiesto il loro rinvio a giudizio ipotizzando per il primario i reati di abuso d’ufficio e somministrazione di farmaci guasti, contestazione quest’ultima mossa anche agli altri due medici indagati anche per delitto colposo contro la salute pubblica.
Chiesto il rinvio a giudizio anche per due fornitori, Alessandro Pilo e Salvatore Costanzo. L’accusa è avere consegnato, rispettivamente, quattro e tre stent con validità inferiore ai due-terzi del periodo massimo stabilito dal fabbricante. Per loro la Procura ha ipotizzato Il reato di frode nelle pubbliche forniture. Le parti offese sono state identificate nell’ospedale Cannizzaro, da una cui denuncia era stato aperto il fascicolo, e nei sette pazienti che hanno avuto impiantati gli stent scaduti. ospedale_cannizzaro_ct_ingresso
La richiesta di rinvio a giudizio dei cinque indagati è stata depositata nei giorni scorsi dalla Procura alla segreteria del presidente dei Gip di Catania, Nunzio Sarpietro. Agli atti dell’inchiesta sono stati aggiunti i risultati di indagini effettuate dai carabinieri del Nas, documenti, intercettazioni telefoniche, e una consulenza medico legale eseguita da esperti del settore.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook