Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCOPERTE FATTURE FALSE PER 6MILIONI DI EURO

SCOPERTE FATTURE FALSE PER 6MILIONI DI EURO

I militari della Guardia di Finanza di Ragusa hanno denunciato per reati fiscali 13 persone, riconducibili a 9 società, e sequestrato beni immobili, mobili e somme di denaro per un ammontare complessivo superiore a 1milione e 100 mila euro.

 

 

SCOPERTE FATTURE FALSE PER 6MILIONI DI EURO –

La guardia di Finanza di Ragusa ha condotto un’operazione di accertamento nei territori di Acate e Vittoria nella provincia iblea. Durante le verifiche i militari delle fiamme gialle avrebbero scoperto fatture emesse da aziende con partite Iva specializzate nella produzione di imballaggi, trasporto di merci su gomma e commercio all’ingrosso di ortofrutta, caratterizzate da rapporti anche con l’estero, intestate a dei prestanome nullatenenti. Sono state individuate fatture false per circa 6milioni di euro.
E’ quanto hanno scoperto i finanzieri che hanno denunciato per reati fiscali 13 persone, riconducibili a 9 società, e sequestrato beni immobili, mobili e somme di denaro per un ammontare complessivo superiore a 1milione e 100 mila euro.
Dalle verifiche sarebbe stata scoperta una cosiddetta frode “carosello” che consiste in una società fittizia, appositamente creata e intestata ad un soggetto inconsapevole (addirittura detenuto in carcere all’epoca dei fatti), il quale avrebbe acquistato imballaggi in legno senza IVA dalla Bulgaria (poi venduto in regime di non imponibilità, in quanto indicate come cessioni comunitarie) rivendendo la merce sottocosto (scorporando l’IVA) all’effettivo destinatario italiano, omettendo così tutti i versamenti fiscali.
Infatti, il “reale acquirente” avrebbe potuto così usufruire della detrazione dell’IVA pagata sull’acquisto dei prodotti e, nel contempo, avuto a disposizione beni con un costo ridotto, in quanto avrebbe tramutato parte dello stesso in credito verso l’Erario.
Gli organizzatori della frode sarebbero sette mentre, secondo quanto scoperto dai finanzieri, un’intera famiglia vittoriese, gdf_rg_ricerche_telematichecostituita da padre e due figli, sarebbe stata individuata fra i sei prestanome. Fra le ipotesi che avrebbe spinto il nucleo familiare a divenire intestatari fittizi di diverse società e commettere l’illecito anche quella della crisi poiché spinti dalle difficoltà economiche.
E’ emerso inoltre che per “gonfiare” i costi aziendali e pagare meno imposte all’Erario sarebbe stata adoperata una sovrafatturazione fittizia eseguita da una società di capitali, risultata evasore totale, intestata ad un prestanome, assolutamente non in grado di comprendere gli obblighi derivanti dalla gestione di un’impresa commerciale.
In particolare, le fatture in questione riguardavano la costruzione di un macchinario industriale per circa  900 mila euro, a fronte di una spesa realmente sostenuta di  125 mila. I responsabili accertati sono stati tutti denunciati alle autorità gudiziarie.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook