Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

UCCIDE LA MOGLIE A COLTELLATE, ARRESTATO

UCCIDE LA MOGLIE A COLTELLATE, ARRESTATO

Commette il delitto e poi va al bar a prendere caffè e sigarette. Antonio Madone e’ stato fermato a palermo per aver ucciso a coltellate Anna la moglie Manuguerra, 60 anni coetanea. L’omicidio è avvenuto nella casa della coppia in via della Speranza nella casa della coppia in contrada Nubia di Paceco.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

UCCIDE LA MOGLIE A COLTELLATE, ARRESTATO –

Il presunto uxoricida dopo aver ucciso la moglie si sarebbe recato tranquillamente al bar a prendere un caffè e comprare le sigarette. Al bar pare avrebbe incontrato uno dei suoi tre figli e questo lo avrebbe tradito. Uno dei figli di Antonio Madone, 60 anni, è un carabiniere.
La coppia era separata, ma continuavano a vivere nella stessa abitazione. La loro casa si trova tra la Riserva delle Saline di Trapani e Paceco. I due avevano fatto alcuni lavori minimi per dividere ingressi e spazi in comune onde evitare che si incontrassero. Perché ogni volta erano litigi, parole grosse e minacce. carabinieri-notte
E da poco tempo la separazione era stata sancita da una sentenza del giudice. Anna Manuguerra aveva trovato il coraggio di separarsi dal marito violento dopo 38 anni di un matrimonio che per molto tempo era stato per lei un incubo, con soprusi e violenze subiti in silenzio, come ricordano in queste ore i vicini e i parenti (altri due suoi fratelli sono carabinieri). Individuato il presunto omicida vicino la Torre di Nubia, i carabinieri lo hanno arrestato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook