Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

IMPIANTO DA SANARE, SOSPESO DIRIGENTE REGIONALE

IMPIANTO DA SANARE, SOSPESO DIRIGENTE REGIONALE

Un consulente per la Sicilia di una società leader in Europa nel campo della produzione di energia rinnovabile è stato arrestato dai Carabinieri di Palermo. Denunciato per corruzione anche un dirigente pro tempore dell’Assessorato Regionale all’Energia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

IMPIANTO DA SANARE, SOSPESO DIRIGENTE REGIONALE –

Le indagini svolte dai carabinieri di Palermo hanno documentato la corruzione di Vincenzo Salvatore Sucato, consulente per la Sicilia di una società leader in Europa nel campo della produzione di energia rinnovabile, nei confronti del dirigente regionale dell’assessorato all’energia, Salvatore Rando, il quale avrebbe rilasciato un decreto in sanatoria dietro il pagamento di una tangente di 7 mila euro.
Il gip del Tribunale di Palermo su richiesta del procuratore aggiunto Bernardo Petralia e del sostituto Claudia Ferrari con ha sospeso il dirigente dall’esercizio di pubblico ufficio.
Il provvedimento incriminato avrebbe sanato la mancanza di autorizzazione a collegare, alla linea elettrica nazionale, un impianto fotovoltaico dell’azienda in questione, nel Comune di Ragusa, senza la quale il Gse S.p.a. (Gestore di Servizi Energetici Spa) non avrebbe potuto erogare gli incentivi previsti dalla legge per la produzione di energia prodotta da fonti rinnovabili.
Con lo stesso atto è indagato l’amministratore delegato della società che sarebbe il mandante della corruzione messa in atto da Sucato nei confronti del dirigente regionale. Sucato è stato comandato ai domiciliari, mentre Rando è stato denunciato e sospeso arresto_corruzione_pada dirigente della Regione Siciliana. Per quanto riguarda la società produttrice di energia è in corso di valutazione la possibilità di applicare la misura interdittiva cautelare della esclusione per un anno da ogni tipo di finanziamento, agevolazione e contributo pubblico in relazione agli impianti fotovoltaici situati nel territorio della Regione Siciliana.
Durante le perquisizioni eseguite presso l’Assessorato all’Energia, nella sede di Roma della società, nonché presso le abitazioni di tutti gli indagati, pare sia stata rinvenuta documentazione utile per ricostruire la corruzione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook