Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTANISSETTA, STRAGI ’92 MESSINA DENARO MANDANTE

CALTANISSETTA, STRAGI ’92 MESSINA DENARO MANDANTE

Chiesto il rinvio a giudizio dai pm di Caltanissetta per il superlatitante Matteo Messina Denaro. E’ accusato di essere uno dei mandanti per gli attentati in cui morirono i giudici Falcone e Borsellino con le loro scorte. L’Udienza preliminare è stata fissata il 22 dicembre.

 

 

CALTANISSETTA, STRAGI ’92 MESSINA DENARO MANDANTE –

Si delinea l’inchiesta sul presunto ruolo del latitante negli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. I pm di Caltanissetta hanno chiesto il rinvio a giudizio del boss mafioso Matteo Messina Denaro in quanto considerato uno dei mandanti delle stragi siciliane di Capaci e via D’Amelio.
Il gip di Caltanissetta aveva emesso ne gennaio scorso una ordinanza di custodia cautelare per Messina Denaro. Il latitante, per il procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone, i sostituti Lia Sava e Gabriele Paci e il pm Stefano Luciani, fu tra i componenti della cupola mafiosa che decisero la morte di Falcone e Borsellino. I magistrati insieme agli agenti delle scorte, furono uccisi neglimessina_denaro_matteo_boss attentati di Capaci il 23 maggio ’92, e in via D’Amelio il 19 luglio ’92. L’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 22 dicembre. La richiesta di rinvio a giudizio è stata notificata alla madre del mafioso a Castelvetrano (Tp).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook