Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RENZI A PALERMO, MONTA LA CONTESTAZIONE

RENZI A PALERMO, MONTA LA CONTESTAZIONE

Il capoluogo siciliano si desta tappezzato di messaggi anti Renzi e sembra tutto pronto per la contestazione organizzata contro il Premier. Centinaia di striscioni e scritte sui muri sparsi in tutti quartieri della città ove si leggono chiari messaggi quali “Cacciamo Renzi” e “Il 4 dicembre vota no per cacciare Renzi”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RENZI A PALERMO, MONTA LA CONTESTAZIONE –

Questa mattina, in alcune zone della città, le scritte venivano solertemente cancellate. Cancellate proprio quelle davanti lo stabilimento Fincantieri di via dei Cantieri, dove renzi è atteso alle ore 14.30. “Atto di cancellazione – denunciano gli autori delle scritte – realizzato con l’utilizzo di fondi pubblici. Un gesto che manifesta la volontà dell’amministrazione locale, quale riflesso di quella nazionale, di censurare il pensiero critico della popolazione, di tappare la bocca ai cittadini che osano renzi_scritte_contro_premier_padissentire rispetto alle proprie condizioni di vita e alle visite strumentali e di facciata del premier. Come espresso negli striscioni che dalle prime ore della mattinata troneggiano nei muri della città, votare no al Referendum significa dire no a Renzi, al governo della crisi, dell’austerity e dei banchieri. Questo No, che ha in Renzi il suo nemico principale con tutto ciò che egli rappresenta, non esita dunque a manifestarsi chiaramente con tutte le modalità possibili ogni qualvolta se ne presenta l’occasione e la necessità. La gente è chiaramente stufa di esser raggirata da una casta politica per nulla interessata a migliorare le sue condizioni di vita e al tempo stesso di esser presa in considerazione e sfruttata solo qualora giunge il momento di andare alle urne”.
Sempre gli organizzatori delle manifestazioni anti-renziane è inaccettabile ‘l’ennesima passerella di Renzi in Sicilia che lo vedrà proprio oggi in visita ai Cantiere Navali di Palermo’ – si legge in una nota dei contestatori – “Se ufficialmente il motivo della sua nuova venuta riguarda la ormai pluridecennale questione delle infrastrutture   necessarie al potenziamento dello stabilimento Fincantieri di Palermo  la vicinissima data del referendum sulla riforma costituzionale rende palesi le reali motivazioni della sua presenza, ovvero fare incetta di voti per il Si. Riecco, infatti e non a caso, il Presidente in Sicilia per la terza volta in due mesi e riecco le puntuali manifestazioni di dissenso rispetto alla sua politica e alle sue tournee che esprimono una assoluta e evidente strumentalità a fini elettorali”.
Sempre nel documento si evince che: “Fino a qualche tempo fa il governo godeva di un sostanziale credito presso la popolazione basato sulla giovane età del premier sugli annunci di innovazione e cambiamento e sulle promesse di uscita dalla crisi. Dopo ormai due anni, invece, l’assenza di crescita economica, l’aumento dei licenziamenti e un sostanziale immobilismo delle renzi_scritte_contro_premier_pa_2politiche riformatrici del governo, che rimangono di fatto solo sulla carta, rendono immediate le contestazioni dei cittadini. La rabbia aumenta quandunque al danno si unisce la beffa, quandunque il premier palesa la sua presenza e vicinanza alla popolazione solo per perseguire le finalità relative alla campagna referendaria e quindi ai suoi interessi politici. Ma questo gioco la gente lo ha ormai ben compreso e non vi è passerella del premier che non attiri il disaccordo della gente e si traduca in una contestazione la quale a sua volta viene sistematicamente repressa per sedare ogni possibile accenno di contraddizione alla Governance”.
Il mese scorso sempre a Palermo gli studenti sono stati al centro di scontri con la polizia ed hanno denunciato di essere stati caricati nel corso di una manifestazione contro quella che definiscono ‘la sua inutile comparsata’.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook