Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTANISSETTA, PREMIER VISITA CANTIERE ANAS

CALTANISSETTA, PREMIER VISITA CANTIERE ANAS

Il Premier a Caltanissetta nel cantiere Anas per la firma del patto Anas-Regione: “Le chiacchiere sono finite, ecco i soldi per le strade” e ancora: “Qui ci sono i soldi per le strade siciliane. Amici dell’Anas il vostro compito è quello di spenderli bene”.

 

 

CALTANISSETTA, PREMIER VISITA CANTIERE ANAS –

Inizio della seconda giornata di visita in Sicilia per il presidente del Consiglio. Ieri era stato nella Sicilia orientale e da lì aveva annunciato che tornerà ancora il 2 dicembre. Renzi è arrivato nel cantiere stradale sulla SS 640 Agrigento/Caltanissetta poco prima delle ore 10,30 infatti il loco ha firmato il Patto Anas-Regione. Una collaborazione che stanzia i fondi per l’ammodernamento dell’infrastruttura stradale e autostradale siciliana.
Il premier nel suo discorso ha evidenziato come: “Centinaia di persone sono state prese in giro nel corso degli ultimi anni si è fatto credere che fosse iniziato il futuro ma non era così. Ma finalmente la stagione delle chiacchiere è finita e adesso passiamo ai fatti concreti”.
Dopo la firma, il Presidente del Consiglio si recherà a Caltansisetta per un incontro con gli amministratrori locali organizzato, dal sottosegretario Davide Faraone come del resto ha fatto per tutto il tour dell’isola, infatti, Renzi resterà in Sicilia per quasi tutta la giornata.
Il premier ha anche risposto alle polemiche sulla bandiera Europea nate dopo la ‘scomparsa’ della stessa dallo sfondo di alcuni sui interventi da palazzo Chigi. L’assenza dalla scena considerata un allontanamento dall’Europa dopo le ultime tensioni sulla legge di stabilità, considerata pretestuosa: “La bandiera dell’Europa è qui con noi e la teniamo al nostro fianco ma vogliamo che l’Europa faccia il suo mestiere, crescita e non austerity, futuro e non burocrazia”.Renzi_inaugura_cantiere-anas_cl-ag
Dopo Caltanissetta il premier è atteso a Palermo per un incontro con il mondo dell’agricoltura al teatro Politeama, quindi ai Cantieri navali e, alle 16, a Cinisi. Intanto, il capoluogo siciliano si è svegliato con scritte sui muri e striscioni contro Renzi, sono annunciate anche contestazioni con i manifestanti sul “piede di guerra”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook