Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONTRABBANDO CARBURANTI, 12 FERMI

CONTRABBANDO CARBURANTI, 12 FERMI

La Procura distrettuale di Catania ha coordinato l'inchiesta e ha emesso delle misure cautelari nei confronti degli indagati, accusandoli di associazione a delinquere transnazionale finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta. Coinvolto anche esponente del clan Laudani.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONTRABBANDO CARBURANTI, 12 FERMI –

Operazione del comando provinciale Guardia di Finanza di Catania, condotta assieme al nucleo di Polizia tributaria, che vede  al lavoro i militari nell’esecuzione  di 12 arresti domiciliari, 7 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di somme di denaro per un totale di 4,5 milioni di euro.
La Procura distrettuale di Catania ha coordinato l’inchiesta e ha emesso delle misure cautelari nei confronti degli indagati, accusandoli di associazione a delinquere transnazionale finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d’imposta. Tra i destinatari – come si evince nella nota della Gdf – il provvedimento per Carmelo Pavone, 67gdf_auto_4 anni che in passato fu condannato per estorsione e per la sua partecipazione al clan Laudani. Il comando provinciale della Guardia di finanza di Catania  ha indetto una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede stessa, durante la quale saranno resi noti maggiori particolari sull’operazione.
Durante la conferenza stampa è emerso che quanto ricostruito dalle indagini della Guardia di finanza di Catania il prodotto petrolifero “contrabbandato” proveniva da raffinerie di Germania, Polonia e Austria. Il prodotto era trasportato con camion telonati di società rumene e bulgare all’interno dei quali venivano nascosti contenitori in plastica da mille litri ciascuno. Il materiale infiammabile non era custodito a norma di legge mettendo a serio rischio l’incolumità delle persone.
Gli indagati, eludevano i controlli su strada, utilizzando falsa documentazione che attestava il trasporto di olio lubrificante anziché gasolio per autotrazione e indicava fittiziamente come località di destinazione finale Paesi esteri come Grecia, Malta e Cipro.
Inoltre le indagini hanno consentito di ricostruire un grosso “giro d’affari” che produceva ogni anno più di un milione di litri di gasolio, con profitti in nero quantificate in diverse centinaia di migliaia di euro con imposte evase superiori al milione di euro.
A Catania il carburante veniva ceduto a stazioni di servizio abusive e gestite in assenza di precauzioni antincendio e di rispetto delle norme di sicurezza.
La Procura di Catania ha coordinato le indagini condotte dal Nucleo di Polizia Tributaria delle Fiamme gialle etneo che ha permesso l’individuazione di tre gruppi tra loro collegati che occupavano dei ruoli ben precisi all’interno della filiera, dall’approvvigionamento, allo stoccaggio e alla distribuzione del gasolio ceduto nella provincia etnea e il reclutamento di autotrasportatori e distributori privati i quali smerciavano il carburante a prezzi nettamente inferiori di quelli ufficiali (in media 30/40centesimi di euro al litro in meno).
Secondo l’accusa, il primo gruppo era capeggiato da Carmelo Pavone e da Mario Mauro 66 ambedue di anni, operazione_contrabbando_carburante_ctritenuti i gestori di fatto di un autolavaggio e di aree di parcheggio, ad AciSant’Antonio e Acireale, per stoccaggio e commercio del gasolio nel Catanese. Con loro agivano i figli di Pavone, Cosimo, 25 anni, e Camillo, 44, e Denis Susto, 39, Antonino Mario Chiantello, 49, Rosario Torrisi, 32, e Carmelo Scuderi, 59.
Un secondo gruppo avrebbe al suo interno l’autotrasportatore Fabrizio Colapicchioni, di 39 anni, e gli amministratori di una società di autotrasporti di Roma, i fratelli Alessandro e Stefano Marchetti, di 51 e 47 anni. Questo gruppo è accusato di tenere i contatti anche con società estere ed era operativo in GranBretagna, Germania, Austria, Polonia, Malta, Grecia e Cipro.
La terza organizzazione era capeggiata da Santo Santonocito, di 52 anni, titolare di una ditta di autotrasporti, che rappresentava per il gruppo catanese una secondaria fonte illegale di rifornimento: il gasolio da lui contrabbandato proveniva da depositi commerciali di gasolio per agricoltura della Sicilia sud orientale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook