Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARNONE ARRESTATO CON UNA MAZZETTA IN TASCA

ARNONE ARRESTATO CON UNA MAZZETTA IN TASCA

L'avvocato Giuseppe Arnone ex leader degli ambientalisti arrestato in flagranza di reato mentre intascava 14mila euro da una collega che ricattava. Ora è accusato di estorsione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARNONE ARRESTATO CON UNA MAZZETTA IN TASCA –

La Squadra Mobile di Agrigento ha arrestato l’avvocato Giuseppe Arnone in flagranza di reato con l’accusa di estorsione. Aveva intascato poco prima una mazzetta che aveva chiesto a una sua collega, l’avvocato Francesca Picone. La richiesta erano 50mila euro, in cambio egli aveva promesso che non avrebbe alzato clamore mediatico su una vicenda giudiziaria in cui la Picone è imputata di irregolarità nei confronti di alcuni clienti successivamente assistiti da Arnone.
La Squadra Mobile è intervenuta al momento del pagamento della prima delle due rate della somma pretesa da Arnone e ha sequestrato all’indagato due assegni del valore complessivo di 14mila euro che la Picone aveva emesso a suo favore.
Indagano sul caso i pm Cinque e Macaluso che chiederanno al gip di Agrigento la convalida dell’arresto. L’inchiesta è coordinata dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio. Arnone è un personaggio molto noto in città: è stato leader degli ambientalisti agrigentini e candidato a sindaco.
L’avvocato Giuseppe Arnone per molti anni è stato il leader degli ambientalisti di cui è stato anche segretario nazionale. Più volte candidato a sindaco di Agrigento, nel suo programma denunciava gli scempi e l’abusivismo dilagante nella Valle dei Templi.  Considerato un severo giustizialista dai suoi avversari politici e per molti agrigentini incarnava il simbolo della legalità. Ultimamente, nonostante le sue battaglie ambientaliste, aveva preso le difese perfino di alcuni proprietari di immobili abusivi nella Valle dei templi, cercando di opporsi fisicamente agli ordini di demolizione. Una battaglia sfociata, in una nuova raffica di denunce e controdenunce con la Procura e perfino nella richiesta di un Tso da parte dell’autorità giudiziaria.
L’avvocato Arnaldo Faro all’uscita dalla questura, subito dopo l’arresto di Arnone in merito alla vicenda ha detto: “Mi stupisco fortemente perché l’indagato sin dal primo minuto che è chiamato in questura ed ha questa qualità ha il diritto di arnone_giuseppeavere un difensore. Abbiamo prodotto una serie di documenti ed è in corso la verbalizzazione dell’acquisizione dei documenti che, a mio modo di vedere, dimostrano l’estraneità dell’avvocato Arnone in questa squallida vicenda”. Inoltre ha aggiunto: “Non mi risulta che ci siano accordi di 50 mila euro. Ci sono una serie di mail. Se ci sono assegni ancora non lo so. E’ una vicenda inquietante. Molto inquietante”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook