Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PESCHERECCI TORNANO A PESCARE

PESCHERECCI TORNANO A PESCARE

I pescherecci sono ripartiti dal porto Alessandria in Egitto e le imbarcazioni "Ghibli I" e "Giulia Pg" con a bordo 8 italiani e 6 tunisini torneranno a effettuare la loro battuta di pesca prima di tornare in sede. Ma la guerra del pesce continua.

 

 

PESCHERECCI TORNANO A PESCARE –

Il sequestro in acque internazionali di due pescherecci italiani di Mazara del Vallo è durato poche ore. La Marina militare egiziana che ha effettuato l’operazione ha rilasciato le imbarcazioni dopo aver accertato che i natanti si trovavano realmente in acque internazionali.  Quindi, il “Ghibli I” e il “Giulia PG” facenti parte della flotta marinara di Mazara del Vallo, fermati ieri notte nel Mediterraneo dalle forze egiziane e costretti ad attraccare al porto di Alessandria, sono stati rilasciati nel tardo pomeriggio di oggi.
Una vicenda conclusa senza problemi, ha confermato la Farnesina, che ha seguito il sequestro fin dall’inizio in stretto contatto con la sede diplomatica italiana nella capitale egiziana. Ad Alessandria era presente anche il Console onorario Ermenegildo Sampieri. Il ministero degli Esteri ha precisato: “Grazie all’intervento della nostra ambasciata al Cairo i due pescherecci hanno mollato gli ormeggi e sono adesso diretti in mare aperto”.
Secondo l’armatore Domenico Asaro le barche non rientreranno a Mazara, ma proseguiranno le loro programmate battute di pesca. Intanto, i familiari dell’equipaggio e gli armatori hanno vissuto ore di tensione e apprensione.
Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto produttivo della pesca e della crescita blu del quale fanno parte le due barche aveva riferito in mattinata che: “Il sequestro è avvenuto verso le 22 di ieri, a circa 28 miglia dalle coste egiziane, quindi in acque internazionali”, poi aggiunge “Gli equipaggi pescavano con le reti a una profondità di circa 600 metri quando è stato loro intimato l’alt dalla Marina egiziana. Alcuni uomini sono saliti a bordo e hanno indotto i pescherecci a fare rotta verso Alessandria, dove sono giunti verso le 4,30”.
L’armatore Asaro, dopo aver appreso la notizia, si era messo in contatto con gli equipaggi dei natanti, otto mazaresi e sei tunisini, riferendo che “stavano bene” e che si “trovavano a bordo dei rispettivi natanti”, lasciando intendere che la questione si sarebbe pescherecci_1potuta risolvere in una “questione di ore.
Poi Asaro aveva riferito che le: “autorità egiziane stanno esaminando la documentazione di bordo e non appena l’avranno visionata i due pescherecci potranno mollare gli ormeggi”, ringraziando la diplomazia e le istituzioni attivate per il lavoro svolto. Il sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi appena confermata la notizia del rilascio, ha espresso la gioia della comunità mazarese per il rilascio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook