Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DROGA A SAN CRISTOFORO, 29 ARRESTI A CATANIA

DROGA A SAN CRISTOFORO, 29 ARRESTI A CATANIA

Blitz nel quartiere San Cristoforo che si trova nel centro storico di Catania. L’operazione dei carabinieri ha decapitato i vertici di un’organizzazione che gestiva il traffico di cocaina e marijuana per conto del gruppo Nizza legato ai Santapaola-Ercolano. All'interno i nomi degli arrestati.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DROGA A SAN CRISTOFORO, 29 ARRESTI A CATANIA –

Blitz antidroga dei carabinieri a Catania nel popolare quartiere San Cristoforo. Da stamane i militari dell’Arma, sono all’opera per rastrellare una intera zona abitata del centro storico della città. In merito il Gip del Tribunale di Catania, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, ha emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di 29 persone per associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante dell’agevolazione mafiosa della famiglia Santapaola-Ercolano.
Dai risultati delle indagini condotte dagli investigatori, gli arrestati sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto della cosca mafiosa.
Gli indagati sono indicati dai militari dell’Arma come appartenenti a un’organizzazione che gestisce una tra le più fiorenti piazze di spaccio di Catania facente capo al gruppo Nizza della famiglia Santapaola-Ercolano, capeggiato da Andrea Nizza, irreperibile dal dicembre 2014 e inserito nell’elenco del ministero dell’Interno dei “latitanti più pericolosi”, e già incriminato da numerose condanne anche per omicidio.
Il blitz è scattato nel popolare quartiere San Cristoforo, considerato uno dei punti più significativi della città utilizzato per lo spaccio di stupefacenti. L’introito ricavato dall’illecito traffico è stato stimato in circa 10 mila euro al giorno.
Il provvedimento, emesso dal Gip su richiesta della Dda della locale Procura, ha portato all’arresto di 24 indagati, cinque dei quali posti ai ‘domiciliari’, ed è stato notificato a cinque persone già detenuti per altri reati. operazione_antidroga_san_cristoforo
Gli arrestati sono: Kevin Bonfiglio, 23 anni, già detenuto carcere Giarre (Ct); Antonino Castelli, 29 anni, già detenuto nel carcere di Siracusa; Francesco Conte, 33 anni; Ignazio Cusmano, 22 anni; Francesco D’Agata, 41 anni; Luigi Orazio Di Bella, 23 anni; Rosario Grillo, 23 anni; Gaetano Litrico, 43 anni; Girolamo Danilo Marsiglione, 29 anni; Salvatore Nizza, 44 anni; Dario Nizza, 23 anni; Giuseppe Davide pastura, 22 anni; Francesco Raccuglia, 30 anni; Antonio Raineri, 23 anni; Claudio Rapisarda, 33 anni, già detenuto nel carcere di Noto (Sr); Bernardo Russo, 23 anni; Salvatore Mario Saitta, 34 anni; Domenico Walter Sorrentino, 22 anni; Salvatore Stabile, 22 anni; Antonino Salvatore Stagno, 35 anni; Giovanni Tomaselli, 29 anni; Damiano Torrisi, 28 anni, già detenuto al carcere di Giarre (Ct); Marco Verona, 23 anni, già detenuto nel carcere di Catania Piazza Lanza; Giuseppe Vinciguerra, 28 anni; Giovanni Magrì, 22 anni, ai domiciliari; Alfio Minnella, 29 anni, ai domiciliari; Giuseppe Napoli, 36 anni, ai domiciliari; Rosario Noè, 25 anni, ai domiciliari; Andrea rubera, 24 anni, ai domiciliari.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook