Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCANDALO DIALISI A CATANIA, COMMISSARIATE LE SOCIETÀ

SCANDALO DIALISI A CATANIA, COMMISSARIATE LE SOCIETÀ

Inchiesta "Bloody Money". Gli indagati sviavano i pazienti dalle strutture pubbliche e li indirizzavano in quelle private. Il Gip emette il provvedimento per Le società “Ciminiere” e “Diaverum”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SCANDALO DIALISI A CATANIA, COMMISSARIATE LE SOCIETÀ –

Commissariamento giudiziale per le due aziende coinvolte nelle indagini dell’inchiesta “Bloody Money”. Il gip di Catania su richiesta della Dda, ha emesso il provvedimento che riguarda le società: ”Le Ciminiere srl”, con sede a Catania e “Diaverum italia srl”, con sede in Assago (MI).
L’ordinanza, è stata notificata agli indagati dalla guardia di finanza, e si concretizza dalle ulteriori attività istruttorie del gip – ha riferito il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro – dopo l’applicazione delle misure di custodia cautelare personali emesse nei confronti di tre imprenditori, due dirigenti medici e un infermiere coinvolti in episodi corruttivi continuati correlati allo sviamento di pazienti dialitici dalle strutture pubbliche a quelle private.
Il Gip, dopo gli interrogatori di garanzia degli amministratori delle società private coinvolte nel business e finalizzati all’individuazione della misura cautelare più idonea a scongiurare la reiterazione delle azioni criminose emerse, ha inoltre valutato gli elementi forniti dalla difesa e considerato gli esiti delle ulteriori acquisizioni disposte dalla Procura, ha ritenuto confermare il dialisi_grave quadro indiziario descritto nella prima ordinanza cautelare e ha disposto il commissariamento giudiziale dei due enti per la durata di un anno.
Riguardo la “Diaverum srl” è stato deciso che il commissario affiancherà l’amministratore delegato, mentre per “Le Ciminiere srl” è stata prevista la nomina di un commissario giudiziale che si occuperà direttamente della gestione ordinaria della società.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook