Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LIBERATA NIGERIANA RIDOTTA IN SCHIAVITÙ

LIBERATA NIGERIANA RIDOTTA IN SCHIAVITÙ

Era stata sequestrata e relegata a Castelvetrano in provincia di trapani. La ragazza nigeriana era costretta a prostituirsi per pagare ai suoi aguzzini il costo del suo viaggio della speranza.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LIBERATA NIGERIANA RIDOTTA IN SCHIAVITÙ –

Era fuggita dalla miseria del suo paese e finita nelle mani di una spietata organizzazione criminale che ha tentato di costringerla a prostituirsi segregandola in una stanza. E’ la storia, come tante, di una giovane nigeriana istigata a prostituirsi sotto minaccia di riti woodoo. Gli agenti della Squadra Mobile di Palermo, con l’ausilio dei colleghi di Trapani e del Commissariato di Castelvetrano hanno posto così fine all’incubo vissuto dalla ragazza fermando con l’accusa di sequestro di persona e induzione alla prostituzione tre connazionali della ragazza: Juliet Matthew, di 27 anni, Precius Matthew, di 28, e Daniel Eguavon, di 26.
La donna, attraverso un cellulare, è riuscita a contattare l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni che a sua volta si è messa immediatamente in contatto con gli Uffici della Squadra Mobile di Palermo.
Gli agenti, con un’azione coordinata tra le due Questure, sono riusciti ad individuare il luogo di prigionia della ragazza, alla periferia di Castelvetrano e hanno fatto irruzione nell’appartamento, traendola in salvo e fermando i tre aguzzini, due donne e un uomo.
Gli investigatori, attraverso sofisticati sistemi di localizzazione e sulla scorta della descrizione fornita al telefono dalla donna sul panorama che scorgeva dalla sua prigione, sono riusciti ad individuare il suo luogo di segregazione ed a trarla in salvo, fermando gliprostituzione aguzzini. All’interno dell’appartamento sono stati ritrovati quattro telefoni cellulari, alcune scatole di profilattici e cinque feticci di varie forme (un corno, un lucchetto, un oggetto di legno, una bustina contenente peli verosimilmente di pube e un osso di noce di cola) tutti utilizzati per i riti woodoo.
La vittima ha raccontato agli agenti i particolari della sua odissea per raggiungere l’Italia, iniziata circa tre mesi fa e scandita da stenti, privazioni, viaggi estenuanti, minacce e vessazioni.

Una risposta a “LIBERATA NIGERIANA RIDOTTA IN SCHIAVITÙ”

  1. Francostars ha detto:

    A prescindere dai riti woodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook