Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MILLE PROFUGHI E 10 CADAVERI APPRODANO A PALERMO

MILLE PROFUGHI E 10 CADAVERI APPRODANO A PALERMO

Accolti al porto di Palermo mille profughi di varia nazionalità. La polizia cerca gli scafisti. Le forze dell’ordine di Pozzallo ha fermato un gambiano con l’accusa di aver causato la morte di una trentenne del Mali rimasta schiacciata durante la traversata.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MILLE PROFUGHI E 10 CADAVERI APPRODANO A PALERMO –

Si trova già nel porto di Palermo la nave ‘Dattilo’ della Marina Militare con a bordo 1.045 migranti e 10 salme recuperate in mare. I profughi accolti dalla task force coordinata dalla Prefettura di Palermo sono di varia nazionalità. Ad attendere i naufraghi i sanitari dell’Asp e i volontari della Caritas e della Croce Rossa. Gli investigatori della polizia e della guardia di finanza hanno avviato le indagini per individuare gli scafisti.
A Pozzallo un cittadino del Gambia è stato fermato dalla polizia di Stato di Ragusa per aver causato la morte della trentenne del Mali il cui corpo è arrivato ieri a Pozzallo insieme ad altri 299 migranti da nave Vos Hestia, di Save the Children, che li ha soccorsi nel Canale di Sicilia. L’accusa è stata comunicata come conseguenza del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
A bordo c’erano anche i due figli della donna deceduta: una bambina di 9 anni e un maschietto di 6 che sono stati affidati all’Istituto delle suore del Sacro cuore di Ragusa. La donna è stata ‘schiacciata’, mentre col corpo faceva da ‘scudo’ ai suoi figli, da altri migranti rimasti bloccati nella prua di un gommone che si è spezzato in due dopo 5 ore di navigazione in mare aperto.
Alcuni migranti hanno raccontato che quando la donna si è accasciata pensavano fosse svenuta. Poi si sono accorti che era morta. Accusano lo scafista che voleva far gettare il corpo in mare. Ma le persone a bordo si sono rifiutate. Poi il dramma dei figlioletti ai quali è stato detto che la loro mamma stava riposando. Ma dopo un po’ hanno capito.  Di conseguenza la Questura di Ragusa ha attivato le ricerche di alcuni familiari della vittima, e in particolare di un fratello della donna che sarebbe da anni inmigranti_sbarchi Italia.
Dopo minuziose indagini della squadra mobile e sentite le testimonianze, il fermato è stato accusato di essere lo scafista dell’imbarcazione soccorsa. Secondo la ricostruzione di diversi testimoni agli atti dell’inchiesta aperta dalla Procura di Ragusa, la trentatreenne del Mali sarebbe morta per schiacciamento.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook