Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE DI MAZARA

CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE DI MAZARA

L’attività di Carmelo Gagliano era quella di autotrasportatore esente da condanne per fatti di mafia. Secondo gli inquirenti il suo inserimento negli ambienti malavitosi e l’adesione a logiche mafiose di gestione delle iniziative economiche è legato al suo ruolo di amministratore (quale “prestanome”), all’interno della società di trasporti denominata “A.F.M. Autofrigo Marsala Soc. coop” nella quale compartecipava l’esponente mafioso marsalese Ignazio Miceli, già sorvegliato speciale diP.S., del cui patrimonio, post mortem, è stata, di recente, sempre su proposta del Direttore della Dia, disposta la confisca dal Tribunale di Trapani.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE DI MAZARA –

Nei giorni scorsi il personale della Direzione Investigativa Antimafia di Trapani, ha notificato un decreto di confisca di parte del patrimonio immobiliare e societario riconducibile a Carmelo Gagliano, 50 enne marsalese, imprenditore nel settore dei trasporti. Tra i beni confiscati risultano terreni, fabbricati, l’intero capitale sociale e il compendio aziendale della società “L.G.F. Trasporti srl” con sede a Mazara del Vallo, veicoli e rapporti bancari, per un valore di oltre un milione e ottocento mila euro.
Il Tribunale di Trapani-Sezione Misure di Prevenzione accogliendo la proposta di applicazione della misura di prevenzione, avanzata dal Direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla, ha emesso il relativo provvedimento ablativo tenendo conto degli esiti delle investigazioni condotte dalla Dia trapanese, d’intesa con il Procuratore Aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del “Gruppo Misure di Prevenzione”, della Dda di Palermo.
All’imprenditore è stata anche applicata la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di dimora abituale per la durata di anni tre.
Carmelo Gagliano era un autotrasportatore esente da condanne per fatti di mafia. Secondo gli inquirenti il suo inserimento negli ambienti malavitosi e l’adesione a logiche mafiose di gestione delle iniziative economiche è legato al suo ruolo di amministratore (quale “prestanome”), all’interno della società di trasporti denominata “A.F.M. Autofrigo Marsala Soc. coop” nella quale compartecipava l’esponente mafioso marsalese Ignazio Miceli, già sorvegliato speciale diP.S., del cui patrimonio, post mortem, è stata, di recente, sempre su proposta del Direttore della Dia, disposta la confisca dal Tribunale di Trapani.
La “A.F.M. Autofrigo Marsala Soc. coop” società di trasporti è stata al centro di una ampia inchiesta giudiziaria condotta dalla D.D.A. partenopea sulle infiltrazioni mafiose nel circuito della grande distribuzione ortofrutticola dell’agro pontino.
Dal 2005 la C.O. D.I.A. di Roma, servendosi di un minuzioso e sofisticato progetto investigativo ha consentito alla Procura Distrettuale di Napoli di scoprire, all’interno del mercato ortofrutticolo di Fondi (LT), uno dei principali in Italia, l’esistenza di una spartizione degli affari da parte delle organizzazioni malavitose che operavano all’interno e di una monopolizzazione del settore dei trasporti su gomma del “clan dei casalesi”.
Gli investigatori avevano portato a conoscenza di infiltrazioni e condizionamenti che il clan “dei Casalesi-aladia_6 Schiavone” pilotava nelle attività dei principali mercati ortofrutticoli evidenziando inoltre, che lo stesso clan aveva stretto una vera e propria alleanza con emissari imprenditoriali di Cosa nostra siciliana facenti capo a Gaetano Riina, fratello del più noto Totò Riina, da anni residente nella provincia trapanese.
Il fine era quello di aggiudicarsi il controllo esclusivo nello strategico settore dei trasporti dei prodotti ortofrutticoli sulle tratte da e per la Sicilia. Beneficiaria principale, l’impresa “A.F.M. Autofrigo Marsala”, gestita da Ignazio Miceli e Carmelo Gagliano che garantiva nel versante siciliano della provincia di Trapani l’accordo affaristico mafioso tra gli esponenti camorristi dei “casalesi” e i mafiosi trapanesi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook