Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DATTERINO DI PACHINO NUOVO MARCHIO QUALITÀ

DATTERINO DI PACHINO NUOVO MARCHIO QUALITÀ

L’Unione Europea riconosce la denominazione IGP (Indicazione Geografica Protetta) per i pomodorini siciliani, prodotto molto richiesto all'estero.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DATTERINO DI PACHINO NUOVO MARCHIO QUALITÀ –

L’Unione Europea autorizza la denominazione di pomodoro Pachino IGP (Indicazione Geografica Protetta) anche al datterino, ampliando il numero di varietà che rientrano nel marchio di qualità riconosciuto. Infatti, Il periodo regolamentare di tre mesi dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’UE del nuovo disciplinare, si è concluso senza che nessuno si sia opposto alla sua modifica.
Michela Giuffrida, componente della Commissione per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale del Parlamento europeo esprime soddisfazione: “Con il riconoscimento del pomodoro datterino tra le specie di pomodoro che godono della certificazione Igp, il brand ‘pomodoro di Pachino’ acquista ulteriore forza e importanza sui mercati europei e mondiali”. Infatti, la parlamentare europea sottolinea che: “Sono così cinque le varietà che rientrano nel marchio di qualità Igp Pachino la cui domanda cresce sui mercati europei ed esteri. Prodotti che abbiamo il dovere di promuovere e proteggere per la crescita di un comparto, quello ortofrutticolo, che nell’area di Pachino dà lavoro a 5.000 persone, fattura 80 milioni di euro e coinvolge più di 100 aziende. E sono numeri che grazie alle certificazioni europee sono destinati a crescere”.
Sempre la Giuffrida aggiunge: “La decisione della Commissione europea, a sostegno di un prodotto di eccellenza della nostra Regione, ha un valore enorme perché le certificazioni di qualità Igp, Dop, Bio sono gli strumenti più potenti ed efficaci che abbiamo a disposizione per la lotta alla contraffazione e alla concorrenza sleale dei prodotti che arrivano dai paesi terzi. E’ stato un anno datterino_pachino_marchio_ue_igpmolto complicato per l’agricoltura e soprattutto per i produttori siciliani che devono fare i conti con le importazioni di pomodori dal Marocco. Un aspetto su cui mi sono molto impegnata con una interrogazione al Commissario europeo per l’Agricoltura Phil Hogan con la quale ho portato a Bruxelles il grido dall’allarme dei siciliani”.
In conclusione l’euro-parlamentare evidenzia che: “La decisione di oggi segna un importante e positivo passo da cui trarre forza e su cui continuare a lavorare sul fronte della valorizzazione di un prodotto che identifica un territorio, le sue eccellenze agroalimentari, la sua cultura e la sua tradizione”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook