Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BRUTALE OMICIDIO A RIPOSTO, UCCISO CON 16 COLTELLATE

BRUTALE OMICIDIO A RIPOSTO, UCCISO CON 16 COLTELLATE

Dario Chiappone lo hanno fatto inginocchiare e gli hanno inferto sedici coltellate al torace e alla gola. Il ventisettenne era appartato in auto con la sua compagna lo hanno fatto scendere gli hanno chiesto il portafogli e poi lo hanno barbaramente assassinato. I carabinieri non escludono altre ipotesi, forse un delitto 'mascherato' con una rapina dietro un regolamento di conti o vendetta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BRUTALE OMICIDIO A RIPOSTO, UCCISO CON 16 COLTELLATE –

Resta al vaglio degli inquirenti l’omicidio di Dario Chiappone, 27 anni, assassinato ieri sera con sedici coltellate. Teatro del brutale assassinio, Riposto paese marinaro in provincia di Catania. La vittima è stata colpita alla gola, addome e torace. I carabinieri della compagnia di Giarre e del nucleo investigativo del reparto operativo di Catania valutano la ricostruzione della sua fidanzata, di circa 20 anni più grande di lui, la quale si trova ancora sotto choc è ha parlato di un tentativo di rapina andato a male. Intanto agli occhi degli inquirenti la violenta dinamica del delitto appare anomala. Strana è stata la tecnica dell’omicidio: la vittima è stata fatta inginocchiare alla quale sono state inferte 16 coltellate e sgozzata.  La dinamica violenta e feroce lascia intravedere altre ipotesi che gli investigatori ritengono al momento prioritarie. Si potrebbe trattare di un delitto ‘mascherato’ dietro a una rapina. Diverse le ipotesi pare che l’omicidio forse sia stato progettato per un regolamento di conti o una vendetta personale.
Le indagini dei militari dell’Arma sono coordinate dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro e dal sostituto Santo Distefano, che hanno disposto l’autopsia al medico legale Cataldo Ruffino.
Gli investigatori sono alla ricerca di testimonianze e indizi che possano ricostruire la personalità di Chiappone e le sue ultime frequentazioni. In paese era conosciuto come un pizzaiolo con la passione per donne mature, ma sempre educato, mai fuori dalle righe. Eppure l’aggressione così violenta, se non scatenata dal contesto dell’assalto, è giustificata soltanto se maturata in un contesto di rabbia profonda e forti rancori. Infatti gli investigatori seguono molte piste e stanno analizzando il passato del Chiappone per individuare un eventuale movente conduca alla verità.
Secondo quanto riferito dalla fidanzata unica testimone, la coppia si era appartata sull’auto della donna a un certo punto sono sbucate due persone col volto coperto. I banditi erano armati, uno con pistola, che ha tenuto sotto minaccia lei e l’altro aveva in mano un grosso coltello, che ha puntato contro l’uomo. Gli aggressori avrebbero chiesto a Chiappone di consegnare loro i soldi, mariposto_omicidio_16_coltellate lui avrebbe reagito. Durante la colluttazione con il rapinatore armato di coltello il Chiappone avrebbe la peggio. L’aggressore lo ha sbattuto per terra e lo avrebbe colpito più volte e mentre era inginocchiato lo ha sgozzato. Subito dopo i due sarebbero fuggiti.
I carabinieri stanno visionando i filmati di diverse telecamere di sicurezza installate nella zona. Da alcuni immagini si vedrebbero i due da lontano: due ombre travisate fuggire su un’auto che ha le luci posteriori accese. Forse con a bordo un complice che li aspettava.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook