Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

REVOCATO A MANIACI IL DIVIETO DI DIMORA

REVOCATO A MANIACI IL DIVIETO DI DIMORA

Dopo diversi ricorsi presentati dai legali di Pino Maniaci, il gip revoca il divieto di dimora per il giornalista di Telejato accusato di estorsione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REVOCATO A MANIACI IL DIVIETO DI DIMORA –

Il gip Nicola Aiello ha deciso di revocare la misura cautelare di divieto di dimora nelle province di Palermo e Trapani. Quindi, Pino Maniaci, il giornalista di Telejato accusato di estorsione nei confronti di alcuni amministratori locali, è di nuovo libero. La seconda sezione della Cassazione, nei giorni scorsi, aveva respinto il ricorso presentato dagli avvocati Antonio Ingroia e Bartolomeo Parrino. Pino Maniaci direttore della tv locale era stato nuovamente allontanato dalle province di Palermo e Trapani.
Il giornalista, era stato intercettato dai carabinieri mentre chiedeva denaro ai sindaci dei comuni di Partinico e Borgetto, accuse che ha sempre respinto. Il primo divieto di dimora (relativo alle estorsioni nei confronti dei sindaci) era stato annullato dal Tribunale del Riesame per motivi formali. Poi, la Procura aveva impugnato un’altra parte della decisione del gip Fernando Sestito che aveva respinto la richiesta di allontanare il direttore di Telejato dalle due province per l’ipotesi di estorsione all’ex assessore dimaniaci_pino_telejato Borgetto Gioacchino Polizzi.
Il Riesame aveva accolto l’appello della Procura per questo capo d’accusa, e Maniaci si era rivolto alla Cassazione per ottenere l’annullamento della decisione. La Suprema Corte ha respinto la sua istanza, ma oggi il gip Nicola Aiello, dopo avere nuovamente interrogato Maniaci ha ritenuto che non ci siano i requisiti per applicare la misura cautelare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook