Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OPERAZIONE ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 21 ARRESTI

OPERAZIONE ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 21 ARRESTI

Duecento Carabinieri sono impegnati in una maxi operazione che ha prodotto 21 arresti sgominando una banda che trafficava in stupefacenti. La banda italo-albanese controllava il mercato ragusano. Il capo riceveva i clienti nella sua villetta di Punta Braccetto, si sono rivelati fondamentali gli appostamenti, travestimenti e intercettazioni.

 

 

OPERAZIONE ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 21 ARRESTI –

Duecento Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa sono impegnati dalle prime ore di questa mattina, consegnando 21 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Ragusa su richiesta della locale Procura della Repubblica. Le ordinanze sono state emesse nei confronti di italiani e albanesi dediti al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, operanti prevalentemente in provincia. L’operazione è coordinata dal Procuratore della Repubblica, Carmelo Petralia e del pm Valentina Botti.
Le indagini, erano iniziate nell’ottobre 2015, e questo blitz è il prosieguo dell’omonima operazione denominata “Kamarina Drugs” che nel dicembre 2015 ha portato all’arresto di 14 spacciatori che svolgevano la loro attività illecita nei pressi dei luoghi maggiormente frequentati dai giovani lungo la costa marittima ragusana. Proprio a partire dalle prime indagini  che hanno permesso di approfondire le posizioni e i ruoli di alcuni personaggi gravitanti nel giro della droga. Dalle investigazioni è emersa una fitta rete di spacciatori che facendo base a Santa Croce Camerina, Vittoria, Scoglitti e Comiso rifornivano clienti provenienti da tutta la provincia. Per mezzo di intercettazioni telefoniche e ambientali sono stati colti in flagrante 8 spacciatori e segnalati alla prefettura 15 clienti.
Sono finiti in manette 12 albanesi e 9 italiani. Sconteranno la misura in carcere: Mirjan Ajdini (29enne albanese, disoccupato, pregiudicato), Donato Ballarò (29enne vittoriese, bracciante agricolo, pregiudicato), Mirko Ballarò (32enne vittoriese, bracciante agricolo, pregiudicato), Gianfranco Casano (27enne vittoriese, bracciante agricolo, pregiudicato), Lorenc Daiu (38enne albanese, imprenditore agricolo, pregiudicato), Ferit Hoxholli (35enne albanese, operaio, pregiudicato), Hajdar Kaja (31enne albanese, commerciante, incensurato), Elton Laraku (30enne albanese, imprenditore agricolo, pregiudicato), Kujtim Malka (38enne albanese, operaio, incensurato), Francesco Oro (35enne santacrocese, bracciante agricolo, incensurato), Elis Rustami (30enne albanese, imprenditore agricolo, pregiudicato), Erjon Seferi (35enne albanese, bracciante agricolo, pregiudicato), Davide Spatola (35enne vittoriese, operaio, pregiudicato), Adenis Tosku (34enne albanese, bracciante agricolo, pregiudicato), Dashnor Tosku (38enne albanese, bracciante agricolo, pregiudicato), Antonino Zisa (38enne santacrocese, imprenditore agricolo, pregiudicato).
Sono stati relegati agli arresti domiciliari: Michele Maurizio Zago (35enne ragusano, imprenditore, pregiudicato), Klodian Kamberaj (37enne albanese, bracciante agricolo, pregiudicato), Jessica Kaftirani (22enne albanese, disoccupata, pregiudicata), Antonino Di Modica (34enne vittoriese, imprenditore agricolo, pregiudicato), Giuseppe Burrometo (40enne ragusano, carabinieri_ragusa_blitzimprenditore agricolo, pregiudicato).
Già dai primi accertamenti nell’indagine è emerso che Ajdini, chiamato anche Arjan o “Emiliano”, rappresentasse il vero e proprio punto di riferimento di spacciatori e clienti per lo smercio di cocaina tra S. Croce Camerina, Vittoria, Scoglitti e Comiso.
Agli arrestati, alcuni dei quali gravati da numerosi precedenti penali, è stato contestato il reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, in concorso, continuato, nonché, solo per alcuni, di detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.
Sono in corso numerose perquisizioni nei confronti di tutti gli indagati e di altri soggetti coinvolti nell’inchiesta al fine di rinvenire ulteriore sostanza stupefacente. Nel corso dell’operazione è stato sequestrato materiale per il confezionamento degli stupefacenti e denaro contante provento dell’attività di spaccio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook