Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PARTORISCE E MUORE AL “CANNIZZARO” DI CATANIA

PARTORISCE E MUORE AL “CANNIZZARO” DI CATANIA

Valentina(questo il nome della gestante) morta di parto. Secondo la famiglia: Il medico di turno si sarebbe rifiutato di intervenire perché obiettore. La Procura, puntualizza che: "questa è la prospettazione dei fatti esposta dalla famiglia, che dovrà essere verificata". I responsabili dell’ospedale Cannizzaro di Catania chiariscono: "La signora Milluzzo ha avuto un primo aborto spontaneo e un secondo indotto dal medico di turno, ciò dimostra che non era obiettore. Poi è deceduta per complicanze di un'emorragia causata da un'infezione". Intanto il ministero invia gli ispettori per chiarire i fatti. Intanto la Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati 12 medici del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale Cannizzaro di Catania, sono esclusi il primario del reparto e l'assistente che quel giorno erano assenti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PARTORISCE E MUORE AL “CANNIZZARO” DI CATANIA –

In merito alla morte della 32enne deceduta domenica scorsa all’ospedale Cannizzaro di Catania per motivi ancora da chiarire, arriveranno gli ispettori inviati dal Ministero per la Salute che indagheranno sull’accaduto. Intanto la Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati 12 medici del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Cannizzaro di Catania per il caso dal tragico epilogo. Il reato ipotizzato è omicidio colposo plurimo. Secondo la Procura, è un atto dovuto dopo la denuncia dei familiari della donna per eseguire l’autopsia come atto irripetibile. Gli indagati sono tutti i medici in servizio nel reparto ad eccezione del primario, dell’assistente che quel giorno erano assenti.
La vicenda risale al 29 settembre, la donna, originaria di Palagonia, al quinto mese di gravidanza era stata ricoverata al nosocomio catanese per una dilatazione anticipata dell’utero. Poi i problemi: il primo feto nasce morto, il secondo ha gravi difficoltà respiratorie ma, secondo la ricostruzione effettuata dal legale della famiglia, il medico di turno si sarebbe rifiutato di intervenire perché obiettore. La gestante morirà di lì a poco in ospedale. Per il penalista Salvatore Catania Milluzzo, avvocato della famiglia: “la situazione precipita la mattina del 15 ottobre con la signora che ha la febbre alta che è curata con antipiretico. Ha dei collassi e dolori lancinanti. Lei ha la temperatura corporea a 34 gradi e la pressione arteriosa bassa”.
Secondo la Procura di Catania, dai primi accertamenti  le indagini confermano che sulla cartella clinica non risulta  il medico dell’ospedale Cannizzaro si sia dichiarato obiettore di coscienza e questo dato è ritenuto dagli inquirenti di una certa importanza. Infatti, la stessa Procura, aveva puntualizzato che: “la prospettazione dei fatti esposta dalla famiglia, dovrà essere verificata”.
Dopo la morte della 32enne, in un primo momento i familiari avevano escluso l’ipotesi di effettuare l’esame autoptico sul corpoospedale_cannizzaro_ct_ingresso della loro familiare. Subito dopo, però, hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Catania che ha inevitabilmente rimandato anche i funerali della donna previsti il giorno dopo il decesso.
Intanto le indagini continuano, la cartella clinica è stata sequestrata e il Ministro Lorenzin ha inviato gli ispettori ministeriali che anche loro indagheranno sulla tragica vicenda che ha causato la morte della gestante.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook