Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SPARANO CONTRO L’AUTO DEL PRESIDENTE DI PUBBLISERVIZI CATANIA

SPARANO CONTRO L’AUTO DEL PRESIDENTE DI PUBBLISERVIZI CATANIA

Intimidazioni ai dirigenti della società Pubbliservizi di Catania. Nel mirino di sconosciuti l’automobile di servizio di Adolfo Messina, presidente della società partecipata dell’ex provincia di Catania. La fiancata della vettura è stata centrata da colpi d’arma da fuoco. Inoltre davanti l’abitazione di un dirigente è stata depositata una testa di coniglio. Solidarietà del presidente Crocetta che lo incontra alle Ciminiere.

 

 

SPARANO CONTRO L’AUTO DEL PRESIDENTE DI PUBBLISERVIZI CATANIA –

Presa di mira da sconosciuti l’auto di servizio del presidente della società partecipata dell’ex Provincia regionale di Catania Pubbliservizi, Adolfo Messina. Sono stati esplosi alcuni colpi di pistola contro la fiancata dell’auto di servizio del presidente mentre è stata fatta trovare davanti casa di un dirigente della società a Mascalucia, una testa di coniglio. Gli episodi sono stati denunciati alle forze dell’ordine. Sul primo indaga la squadra mobile, sul secondo i carabinieri. Nel pomeriggio il presidente della Regione Rosario Crocetta ha convocato alle Ciminiere di Catania, sede della Pubbliservizi, una conferenza stampa per fare il punto della situazione e denunciare pubblicamente il caso: “Non lasceremo solo Adolfo Messina, faremo piena luce sulla vicenda”. Presenti per l’occasione anche i dipendenti della partecipata e l’amministratore di Riscossione Sicilia Antonio Fiumefreddo. Il presidente Messina è intervenuto raccontando i fatti successi la scorsa notte e ha affermato che per lui i prossimi giorni saranno di “riflessione” dopo quanto accaduto, non solo a lui ma alla sua famiglia.
Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta arrivato per l’occasione da Palermo, dopo aver spostato una riunione di giunta è intervenuto dicendo: “Adolfo Messina non è solo. Il governo regionale è con lui e lo sostiene. Perché vogliamo che Catania sia una città libera, libera di fare impresa, nella legalità”. Inoltre Crocetta ha ricordato l’opera di moralizzazione e di contrasto all’illegalità perseguita dal presidente Messina, che si è rivolto alla Procura della Repubblica “mettendoci la faccia”.
Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha espresso la solidarietà della città metropolitana di Catania e dei cittadini per i: “preoccupanti atti intimidatori verso il presidente di Publiservizi Adolfo Messina e il vicepresidente Salvatore Vicari. Troppe preoccupanti ombre si addensano su Publiservizi ed è ora di fare piena luce”.
Anche il senatore Beppe Lumia, componente della commissione nazionale antimafia solidale ha espresso particolare vicinanza alle vittime delle minacce: “Sono vicino al presidente della Pubbliservizi di Catania, Adolfo pubbliservizi_auto_servizio_presidenteMessina, e al dirigente Salvatore Vicari per l’atto intimidatorio subito. L’azione di rinnovamento e pulizia avviata sulla Pubbliservizi di Catania sta facendo saltare gli equilibri di un vecchio e consolidato sistema di potere, come avevo evidenziato con un’interrogazione parlamentare dell’agosto scorso”. In conclusione Lumia precisa che: “Con questa reazione, secondo il classico metodo mafioso, si vuole impedire che si vada fino in fondo, ma stavolta hanno fatto male i conti. Adolfo Messina sapeva bene a quale sfida era stato chiamato dal presidente Crocetta. Ecco perché questa azione violenta verrà respinta al mittente con gli interessi. Il percorso di legalità e sviluppo andrà avanti con il pieno sostegno delle istituzioni”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook